Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Quando l’ultimo Presidente cattolico incontrò il Papa

Jill and Joe Biden

OSSERVATORE ROMANO | AFP

Padre Patrick Briscoe - pubblicato il 28/10/21

John F. Kennedy è stato il primo Presidente cattolico degli Stati Uniti – e solo il terzo Presidente USA in carica – a incontrare il Pontefice

La fede cattolica dell’allora senatore John F. Kennedy fu un fattore notevolmente controverso durante le elezioni presidenziali statunitensi del 1960. L’intellighenzia liberale criticava Kennedy per la visione della Chiesa sul controllo delle nascite e sull’economia, mentre i fondamentalisti vecchio stampo attaccavano il papato e le convinzioni cattoliche.

In questo contesto, John F. Kennedy pronunciò un noto discorso a Houston, in Texas. Di fronte a centinaia di ministri protestanti, sottolineò il proprio punto di vista sulla sua fede cattolica, sulla fede nell’esercizio di un incarico pubblico e sulla natura della religione negli Stati Uniti in generale.

“Non sono il candidato cattolico alla presidenza”, dichiarò nel suo discorso. “Sono il candidato del Partito Democratico alla presidenza, che guardacaso è anche cattolico. Non parlo per la mia Chiesa su questioni pubbliche, e la Chiesa non parla per me”. Kennedy promise anche di governare in base a “quello che la mia coscienza dice che sia l’interesse nazionale”. Rinnegò poi con decisione qualsiasi ipotesi per cui sarebbe stato influenzato da un’autorità religiosa o guidato dalla sua fede nelle questioni di politica pubblica.

Tutto questo rende molto più interessante il fatto che Kennedy sia anche stato il primo Presidente cattolico degli Stati Uniti – e solo il terzo Presidente USA della storia in carica – a incontrare il Pontefice.

La morte di Giovanni XXIII

Appena un mese prima che Kennedy pianificasse un viaggio in Italia che avrebbe incluso una visita in Vaticano, Papa Giovanni XXIII morì improvvisamente il 3 giugno 1963. Giovanni XXIII voleva donare a Kennedy una copia firmata della sua enciclica Pacem in terris, che venne poi consegnata in modo postumo al Presidente dal cardinale Cushing di Boston. La morte del Pontefice interruppe i lavori del Concilio Vaticano II e rese incerto il viaggio presidenziale.

Il 21 giugno, tre settimane dopo la morte del suo predecessore, venne eletto Papa Paolo VI, che acconsentì a incontrare il Presidente Kennedy. Quest’ultimo, per rispetto nei confronti degli eventi che circondavano l’elezione del nuovo Pontefice, pensò di cancellare del tutto il viaggio. Alla fine, si decise che sarebbe atterrato a Milano per poi procedere verso Roma, dove sarebbe stato ricevuto dal nuovo Pontefice.

  • 1
  • 2
Tags:
joe bidenjohn fitzgerald kennedypapa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni