Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

La nuova beata moglie, madre, vedova e fondatrice che ospitava le donne incinte

Maria Lorenza Longo

Public domain

Larry Peterson - pubblicato il 21/10/21

Dopo che la Madonna di Loreto ottenne la sua guarigione, la beata Maria Llong si dedicò ai poveri

Maria Llorenca Llong nac que a Lleida, in Spagna, nel 1463, figlia della nobile famiglia Requences e discendente di un famoso capitano della Marina spagnolo. Nel 1483 sposò il ricco giurista Juan Llong, amico di Ferdinando II, re cattolico dell’Aragona.

La tragedia bussò alla sua porta all’inizio della sua vita matrimoniale. Un domestico, arrabbiato per come Maria l’aveva sgridato per un’infrazione ai suoi doveri, la avvelenò mettendole un mix mortale nel bicchiere del vino durante un festeggiamento familiare. Non riuscì a ucciderla, ma Maria soffrì moltissimo e la sua capacità di camminare risultò compromessa.

Nel 1506, re Ferdinando nominò il marito di Maria, Juan, viceré di Napoli. Nonostante le sue condizioni, lei e Juan si spostarono a Napoli, ma lui morì improvvisamente nel 1509, lasciando Maria vedova a 43 anni con tre bambini da allevare.

Essendo molto devota alla Vergine, Maria decise di recarsi in pellegrinaggio a Loreto. Oggi ci vogliono circa quattro ore di macchina per raggiungere il santuario da Napoli, ma allora Maria dovette essere portata in lettiga con tre bambini piccoli. Era sicura che la Beata Madre l’avrebbe aiutata.

Maria arrivò a Loreto e assistette alla Messa. Mentre recitava delle preghiere di ringraziamento, sperimentò una guarigione completa dalla sua paralisi. Sapeva che era stato dovuto all’intercessione della Beata Madre, e credeva che fosse un segno di Gesù che le indicava come dovesse dedicarsi a Lui e a tutta l’umanità.

Poco dopo indossò l’abito del Terz’Ordine Francescano e prese il nome Maria Lorenza. Molti pensarono che lo avesse scelto per via della sua devozione a San Lorenzo, tanto dedito ai poveri, ma nulla può confermarlo. Tornata a Napoli, trovò chi si prendesse cura dei suoi figli e iniziò a girare per la città aiutando poveri e malati.

Nel 1519, come terziaria francescana, fondò un ospedale chiamato Santa Maria del Popolo e una casa per prendersi cura di ex prostitute. Sognava di avviare un convento e di chiamarlo Santa Maria in Gerusalemme, che avrebbe seguito l’efficienza e l’austerità di San Francesco e Santa Chiara. Il suo obiettivo era rimanere più semplice e umile possibile. Era il 1526.

Il noto filantropo Ettore Vernazza unì le proprie forze a quelle di Maria. Insieme costruirono Santa Maria del Popolo degli Incurabili, che doveva assistere le persone affette da malattie croniche e incurabili come la sifilide. Aveva una farmacia, ospitava un laboratorio di ricerca e offriva un alloggio anche ai parenti dei pazienti. Ben presto, i medici cominciarono ad arrivare da tutta Europa per procurarsi i farmaci che vi venivano preparati e seguire gli studi che venivano condotti.

Sulle orme di Matteo da Bascio, fondatore di monaci cappuccini, Maria fondò un nuovo ordine chiamato Clarisse Povere Cappuccine. Come i monaci, le suore indossavano una semplice tunica marrone con un cordone alla vita e un piccolo cappuccio. Maria voleva fondare l’ordine sulla base degli insegnamenti di Santa Chiara d’Assisi seguendo un progetto simile a quello usato dalla santa nel 1212, e scelse come propria guida spirituale San Gaetano.

La devozione di Maria nei confronti dei suoi pazienti era tale che si trasferì nell’ospedale per star loro vicino. Dopo un po’ si iniziò ad assistere donne incinte. “Qualsiasi donna, ricca o povera, nobile o plebea, locale o straniera, quando è incinta può bussare alla nostra porta e le verrà aperto”, disse. Molte donne e i loro bambini vennero salvati grazie al taglio cesareo eseguito dai medici dell’ospedale.

Maria cercò l’approvazione papale per il suo nuovo ordine, e il 19 febbraio 1538 Papa Paolo III la concesse. La fondazione ufficiale è del 10 dicembre 1538. Numerosi privilegi papali vennero poi concessi da Papa Leone X, Papa Adriano VI e Papa Paolo IV.

Maria Llorenca Llong morì il 12 dicembre 1539 a 76 anni. È stata dichiarata beata il 9 ottobre 2021 a Napoli dal cardinale Marcello Semeraro per volontà di Papa Francesco.

Beata Maria Llorenca Llong, prega per noi!

Tags:
santi e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni