Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Ritrovata “L’Ultima Cena” perduta di Tiziano in una piccola chiesa inglese

TIZIANO

@LedburyParish

Maria Paola Daud - pubblicato il 24/09/21

Il restauratore e storico dell’arte Ronald Moore ha deciso per caso di dare un’occhiata a un dipinto annerito e trascurato…

Nessuno avrebbe mai immaginato che un quadro sporco dimenticato nella chiesa di San Michele e Tutti i Santi della cittadina inglese di Ledbury potesse essere opera di uno dei grandi pittori del Rinascimento, Tiziano.

La scoperta è stata opera del restauratore e storico dell’arte Ronald Moore, che ha deciso per caso di dare uno sguardo al dipinto annerito e trascurato che da più di un secolo “adornava” la bella chiesa medievale.

“Adornava” tra virgolette perché il quadro, che rappresenta l’Ultima Cena, non era gradito ai fedeli, al punto che si era pensato di toglierlo per sostituirlo con qualcosa di più “bello”.

Da buon intenditore, Moore ha notato alcuni dettagli dell’opera che facevano sì che valesse la pena di esaminarla per verificarne il valore.

“Quando in un dipinto c’è qualche personaggio che ti guarda, in genere è il pittore che ha rappresentato se stesso”, ha spiegato il restauratore, che ha riconosciuto in uno dei personaggi (l’apostolo con la tunica gialla) una somiglianza con Tiziano o Tintoretto.

Dopo aver eliminato secoli di sporcizia, ecco la sorpresa: la firma di Tiziano su una delle due anfore!

TIZIANO

Tre anni di studi

L’esame a raggi ultravioletti del dipinto ha rivelato, oltre alla firma di Tiziano, numerose correzioni che segnalano l’intervento del pittore sui suoi allievi.

In generale, i pittori rinomati dell’epoca, essendo molto richiesti, affidavano alcuni lavori ai loro collaboratori, per poi intervenire nei dettagli.

Sono ormai trascorsi tre anni dalla scoperta di Moore, e da allora più di 11.000 opre di lavoro, studiando ogni personaggio e il suo rapporto con Tiziano, che hanno fatto pensare che alcuni personaggi rappresentino dei membri della famiglia dell’artista.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni