Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconSpiritualità
line break icon

Secondo una leggenda la Madonna di Montevergine è “brutta”. Perchè?

GeDeGue | Aleteia

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/08/21

Intorno alla imponente e maestosa "Madonna Nera" di Montevergine ruotano tante tradizioni e leggende che uniscono sacro e profano. Una di queste riguarda la "bellezza" della Vergine, che è anche la più amata dalle persone con tendenze omosessuali

La Madonna più “brutta”, ma anche quella più benevola, e più “amata” dalle persone con tendenza omosessuale: intorno alla Madonna di Montevergine, che si venera in un santuario situato sul Monte Partenio (Avellino) a 1270 metri di altezza, ruotano non solo storie dallo sfondo teologico. Ma anche tante tradizioni e leggende che uniscono sacro e profano. 

La Juta

Una tradizione antica, che prende il nome di Juta, scrive Avellino Today, è quella di salire a piedi verso il santuario nel mese di settembre in occasione della festa del 12 settembre in onore della “Madonna Nera” di Montevergine. La “juta” infatti è proprio l’ “andata” a Montevergine che sin da tempi antichi avveniva con qualsiasi mezzo, a piedi o sui carri. 

“Nera” e ispirata da Iside e Cibele

La leggenda che si confonde con la realtà in uno dei culti più seguiti in sud Italia ruota proprio attorno a quel misterioso quadro inserito nel complesso monastico, attorno al quale sono stati raccontati una miriade di vicende su cui  la stessa critica storica e artistica è profondamente divisa. 

L’effigie della “Madonna Nera” è dipinta su tavole di pino, è alta 4 metri e 30 e larga 2 metri e 10. Il culto delle Vergini con la carnagione scura, di origine medioevale, rappresenta l’immagine concreta del principio femminile universale, in quanto la sostanza nera rappresenta il principio della Materia prima, che si trova nelle viscere della Terra. In tal senso il richiamo va oltre al culto precristiano delle Dea Cibele e dell’Iside egiziana.

“Brutta” e “schiavona”

Il maestro Roberto De Simone nella sua raccolta “Rituali e canti della tradizione in Campania” celebra la “Madonna Nera” con queste parole:

“Esse sono tutte belle, tranne una che è brutta e perciò fugge su di un alto monte, Montevergine”.

Perchè secondo il mito delle Sette Madonne in Campania, esse erano 7 “sorelle”: 6 bianche ed una nera. La Madonna di Montevergine, per il colore della sua pelle era considerata la più “brutta” delle “7 sorelle”, poichè scura. Da qui l’appellativo “Schiavona”, cioè schiava, straniera, di basso rango. Così la Madonna, offesa, si rifugiò sul monte Partenio, giustificando la sua “fuga” così:

“…si jo song brutta allora loro hanna venì fino è cà ‘n gopp a truvà! (se io sono brutta, allora loro dovranno venire fino a quassù per farmi visita!)”.

La storia poi si ribalta, la Mamma Schiavona diventa la più bella delle sorelle, tanto da essere festeggiata due volte: a febbraio e a settembre. 

La Madonna che “tutto perdona” e gli omosessuali

La Madonna di Montervergine, si legge ancora nell’interessante articolo di Avellino Today, è riconosciuta anche  come coLei che tutto può e tutto perdona. Questo si spiega con una storia che si fa risalire al 1256, quando due giovani omosessuali furono scoperti a baciarsi e ad amarsi. Uno scandalo per l’intera comunità dell’epoca che reagì denudando e cacciando dal paese i due innamorati che furono legati ad un albero sul Monte Partenio, in modo che morissero di fame o fossero sbranati dai lupi. 

Liberati dalle catene

La Vergine, commossa dalla loro vicenda e dal loro amore, li liberò dalle catene e permise alla giovane coppia di vivere apertamente il loro sentimento di fronte ad un’intera comunità che, attestato il Miracolo, non poté far altro che che accettare l’accaduto. Da allora la Madonna “nera”, stupenda, è celebrata per il suo manto protettivo sugli ultimi, sui deboli, sui poveri, sugli emarginati. 

Come spiegano i più affezionati a questo rito arcaico e antichissimo, Mamma Schiavona è la madre dal cuore grandissimo che perdona tutto ai suoi devoti che scalano la montagna fino a raggiungere il suo santuario.

Tags:
madonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni