Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconFor Her
line break icon

Bagno: prima causa di divorzio… O di santità?

Shutterstock | Di Volodymyr TVERDOKHLIB

Giovanna Binci - pubblicato il 30/07/21

Uno studio inglese conferma che il bagno è la stanza della discordia delle coppie. Tra carta igienica da cambiare e tavolette da abbassare, forse, più che prima causa di divorzio, potremmo farla diventare una palestra d'amore!

Sono quasi certa che “Non aprite quella porta” sia stato scritto da una moglie che si era stufata di aspettare il marito in bagno. Lo scenario splatter è servito: urla e rumori di sgozzamenti vari mentre lui sta giocando a Fortnite seduto sulla tavoletta (rimedi contro la stitichezza 3.0). 

Il bagno: un film già visto

Sarebbe anche il set per un bel capolavoro fantascientifico, in realtà. Buchi neri che inghiottono figli adolescenti (la domanda però è “perché non scompaiono mai i capelli aggrovigliati nello scarico invece?”) alle otto del mattino quando davanti al lavello c’è più fila che sulla A14 il 16 agosto. Varchi spazio temporali in cui restano intrappolati membri della famiglia in una specie di “Interstellar” dove l’ansia sale ad ogni minuto che passa se non trovi in tempo il contorno occhi per tornare indietro nel tempo. Proprio ieri era lì, sopra alla mensolina, ma “del doman non v’è certezza”. Soprattutto in bagno

Quello della toilette è un copione che tutti conosciamo bene. Tipo “Sette anni in Tibet“, ma con meno Brad Pitt, più patatine nascoste tra i flaconi di sapone e in media sette minuti di agognata solitudine. 

Dietro alla scusa formato porta della privacy e del pudore, sconosciuti per un qualunque under cinque, ci sono un padre e una madre che tentano di ristabilire la loro connessione con l’universo interiore (in tutti i sensi. E grazie Actimel). 

Bagno causa di divorzio?

Che il bagno sia il Tibet di tutte le coppie lo conferma anche una recente ricerca dell’azienda inglese Showerstoyou. Dallo studio è emerso come questa sia la “stanza della discordia” per eccellenza. Non compare ufficialmente tra le cause di divorzio, ma pare essere il luogo dove diamo il peggio di noi e dove più facilmente perdiamo le staffe. Si sa, a lungo andare, questo (e il non lavarsi) non aiuta nessuna relazione. Al di là degli eventi eclatanti le piccole cose, le gocce che si accumulano giorno dopo giorno, fanno traboccare il vaso (o forse è il caso di dire… il water!). 

Spogliarci di noi stessi, davanti a un altro

Abbiamo tutti bisogno di privacy, o meglio, di un luogo dove spogliarci ed essere solo noi stessi, senza filtri

Non è solo questione di stare soli, ma di metterci a nudo: quale metafora migliore del bagno? 

Ci sono parti di noi, stanze dove non vorremmo far entrare nessuno. 

In ogni coppia è necessario rispettare questa sacro santa esigenza, ma anche non nascondersi dietro a una idea distorta di “privacy”.

All’amore non fa bene “stare soli”, l’amore ci chiede di spogliarci davanti a un altro, senza pretese, per scoprire le nostre debolezze (sì, anche non cambiare mai la carta igienica, vale) e scontrarsi, ovvio, sgomitando di fronte a un lavello davanti al quale non siamo più soli. Nemmeno in bagno. 

Solo da questa condivisione può partire il rispetto

Il fatto è che non siamo progettati per condividere. La quotidiana lotta per l’uso della toilette è un emblema della vita di coppia che spiega meglio di molte equazioni di sesto grado la complessità dell’amore. 

In amore e al bagno, nessuna certezza

In bagno cadono le nostre rassicuranti certezze. Tipo non capire perché lo spazzolino non sia esattamente dove l’hai lasciato ieri. 

Gli stessi dati di Showerstoyou confermano che il 65% dei partner è disposto a interrompere subito la relazione qualora manchi attenzione all’igiene. 

Vedere l’altro come non avremmo mai voluto ci turba profondamente se non siamo pronti al dialogo e a lasciare quella idealizzazione dell’amore per calarci nella realtà di abitudini da cambiare e flaconi vuoti accumulati da buttare. Un adeguarsi continuo, un abbozzare. Forse poi, la cosa che ci dà più fastidio è sapere che non ci sarà nessuno a dirci “bravi”, mentre per l’ennesima volta tocca a noi pulire il vetro della doccia. 

Bagno prima causa di… santità! 

Allora, invece che la prima causa di divorzio, potremmo far diventare il bagno la prima palestra di amore familiare e, mi sbilancio…di santità! 

Cercare di essere più attenti alle richieste della moglie che vorrebbe la tavoletta abbassata o che vi accorgeste dello scopettone ogni tanto (così, per favorire l’inclusione) è un atto d’amore. Sistemare i trucchi, togliere i capelli, non chiamare “chi l’ha visto” (parlo alle femmine) è un gesto che dice “so che ci sei anche tu e anche se qui lo spazio è poco e spesso occupato dal mio “io”, sto provando a fartelo”.

Insomma, ci sono attenzioni che non costano nulla, ma valgono come un mazzo di rose. 

Con questa nuova consapevolezza adesso corro in bagno. Che mia figlia di un anno ha scambiato il bidet per l’apertura dell’Acquafan di Rimini. 

Tags:
coppia

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni