Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconApprofondimenti
line break icon

La République, la Révolution e il sangue dei cattolici

WEB2-FRENCH REVOLUTION-CARMES-AURIMAGES-aurimages_0029736_0044.jpg

Collection Dagli Orti / CCI / Aurimages

Rivoluzione Francese e movimenti contro-rivoluzionari: massacro del 2-6 settembre 1792 a Parigi.

Christian Venard - pubblicato il 14/07/21

Misteriosamente, i rituali di pubblico “mea culpa” circa tutti gli errori del passato sfuggono alle autorità dello Stato quando ci sono in ballo delle vittime cattoliche, uccise in odium fidei in nome degli ideali rivoluzionari. Eppure l’unità di un popolo si può costruire solo nella verità.

Per tutta l’estate, se ci si fa caso, ogni giorno il martirologio romano faceva memoria della triste e lunga lista degli innumerevoli martiri spagnoli, uccisi in odio alla fede cattolica dai Repubblicani. Non passa poi una settimana, senza che si trovi menzione di uno o più cattolici, preti o laici, martiri del nazismo durante la seconda guerra mondiale (o del comunismo)! Eppure, se si segue il pensiero dominante nei media francesi e in generale occidentali, la Chiesa cattolica è fatta fucina di orrori, di oscurantismo e soprattutto di violenze e di repressione. 

Silenzio sulle vittime 

All’inizio di settembre in Francia si commemorano specialmente i 191 cattolici massacrati dal Terrore e dichiarati beati e martiri della Révolution: furono uccisi dai rivoltosi nel 1792, quasi tutti attorno al convento dei Carmelitani. 

Tali massacri sono apici della violenza rivoluzionaria, almeno nella capitale, e in pochi giorni avrebbero portato all’assassinio di più di 1.300 francesi, a mezzo di esecuzioni tanto sommarie quanto barbare. 

Perché dunque, in un Paese in cui la commemorazione di ogni sorta di vittime è diventata una delle espressioni pubbliche più frequenti da parte di uomini politici, mai una parola e neanche un’allusione sono mai state formulate per tutti quei francesi – a migliaia! – caduti sotto il furore partigiano dei rivoluzionari? 

In un Paese che si gloria di riconoscere ufficialmente il massacro degli Armeni, quello degli Ebrei, quello delle vittime della colonizzazione e della schiavitù… mai una parola ha potuto essere espressa per i compatrioti uccisi in odio alle loro convinzioni religiose o politiche? 

Fintanto che il regime repubblicano che governa la Francia tratterà così come cittadini di serie B quanti, per motivi odiosi, i loro predecessori hanno massacrato, ci sono poche possibilità che esso riesca ad esercitare il potere di unificare un popolo, tanto più laddove esso conosce una forte crisi d’identità a fronte della globalizzazione e dei movimenti migratori. 

Quando vedremo la République riconoscere ufficialmente i suoi errori, i suoi orrori, praticati su larga scala – pensiamo anche al genocidio vandeano! – contro i cattolici? 

Perdonare non significa dimenticare 

Non si tratta di assumere pose vittimistiche e comunitarie – accusa che ci muoverebbero rapidamente per poter repentinamente scostare lo sguardo (giustamente imbarazzato dai crimini contro l’umanità perpetrati in nome degli ideali della République… i famosi “valori repubblicani”… spesso tanto vaghi quanto vuoti di senso, poiché dipendono unicamente dalla morale relativa e provvisoria di chi attualmente raccoglie più consenso nell’Assemblée Nationale). Converrebbe, invece, ricordare con forza, nei nostri rapporti con lo Stato repubblicano, i torti immensi che esso ha nei confronti dei propri cittadini per via della loro fede. Ciò necessiterebbe forse anche un profondo cambiamento di prospettiva storica e diplomatica tra le autorità della Chiesa. In particolare, bisognerebbe uscire da una cattiva interpretazione della famosa “distensione con la Repubblica” [Ralliement à la République], che invocava una legittima indifferenza riguardo al regime, e non il suo cieco sostegno. 

Perdonare non può significare dimenticare. È nella verità – fosse anche brutale – che si costruiscono un popolo e la lealtà nei confronti dell’autorità politica. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
cristiani perseguitatimartiriorivoluzione francese
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni