Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Come un giudice compassionevole ha cambiato il futuro di un uomo

JUSTICE

Alexander Kirch - Shutterstock

Cerith Gardiner - pubblicato il 08/06/21

La sentenza del giudice Morrow di 16 anni fa ha offerto speranza quando ce n'era più bisogno

Nella sua aula di tribunale nel Michigan (Stati Uniti) 16 anni fa, il giudice Morrow aveva davanti a sé il 27enne Edward Martell, che aveva ammesso di aver fabbricato e venduto crack. Durante il processo che avrebbe potuto spedire Martell in prigione per 20 anni, Morrow ha deciso di dargli una possibilità.

Il giudice della contea di Wayne ha mostrato comprensione condannando l’imputato ad appena tre anni di libertà vigilata. Se la pena è stata una sorpresa, quello che ha davvero colpito Martell è ciò che gli ha detto il giudice:

“Signor Martell, non deve vendere droga. In lei c’è qualcosa di grande. La sfido a diventare il CEO di una compagnia della Fortune 500”.

Sorprendentemente, il giudice è andato ancora oltre. Anche se Martell era determinato a migliorarsi e a condurre una vita felice, non doveva farlo da solo. Morrow voleva mostrargli quanto credesse in lui.

“Ho detto a Ed ‘La mia porta è sempre aperta per te, ecco il mio numero, voglio sapere cosa stai facendo, voglio che tu mi tenga al corrente della tua vita’. Ho dato a Ed un’opportunità. Chiunque merita di essere trattato con un grande senso di umanità e importanza”, ha commentato il giudice alla CNN.

La vita cambia

Da quel momento, Martell ha saputo che poteva contare su Morrow. Andava regolarmente in tribunale per veder lavorare il giudice, e i due pranzavano insieme. Dalle loro conversazioni, Morrow poteva constatare quanto avesse fatto bene a dare un’altra possibilità a Martell.

Martell ha rivelato di essere stato allevato da una madre single che aveva difficoltà economiche: “Crescendo non mi sono reso conto delle nostre condizioni, finché quando ero più grande sono caduto preda delle tante tentazioni esistenti per i giovani”.

Ad appena 13 anni è stato condannato per la prima volta per furto, il che ha portato ad altri crimini. Ha lasciato la scuola superiore e si è trovato di fronte a vari giudici.

“Sono comparso davanti ad almeno 20 giudici. Ho commesso reati nella maggior parte delle città della contea di Wayne. Sapevo che sarei finito in prigione. Suppongo che tutto ciò di cui avevo bisogno fosse un po’ d’amore”, ha spiegato Martell.

Dall’udienza con Morrow 16 anni fa, la sua vita ha subìto una svolta. Dopo l’università locale ha studiato alla University of Detroit Mercy, dov’era il primo della classe.

Desiderando studiare Giurisprudenza, Martell aveva bisogno di qualcuno che attestasse il suo carattere e che provasse che era adatto moralmente a quel lavoro. È stato lì che Morrow è tornato in campo. “Ho testimoniato sul suo carattere e sulla sua idoneità. Era una questione importante, tutte quelle persone che lo guardavano e dovevano decidere se fosse adatto o meno quando non si erano trovate neanche per un giorno nei suoi panni”.

Dopo tante speranza e un’attesa di varie settimane per ottenere una risposta, Martell ha ricevuto la bella notizia di essere stato accettato. “Ho pianto come un bambino”, ha confessato.

Di nuovo in tribunale

Martell ha superato l’esame di abilitazione e ha dovuto affrontare di nuovo la corte e il giudice Morrow – questa volta per prestare giuramento come avvocato, e mostrare a Morrow che aveva fatto bene a credere in lui.

“Eravamo entrambi così felici, così emozionati, ma abbiamo cercato di darci un contegno, come se non ci fosse niente di straordinario, per non sembrare sciocchi. Se Ed avesse avuto il rossetto ne avremmo viste delle tracce su entrambe le orecchie, perché aveva un sorriso enorme. Non lo dimenticherò mai”, ha riferito il giudice.

La coppia si è abbracciata e ha pianto, ma forse la cosa più importante è che entrambi hanno guadagnato qualcosa dal loro primo incontro 16 anni fa.

Martell è oggi un padre di famiglia, ha quattro figli e ha davanti a sé una promettente carriera come avvocato difensore presso il Perkins Law Group, e Morrow ha confermato la sua idea di dover continuare ad assicurarsi di non giudicare gli altri “dal posto da cui vengono, da come parlano o dalla loro mancanza di buone decisioni”.

I due progettano di sostenersi a vicenda anche in futuro. “Lo considero un figlio”, ha detto il giudice.

Lezioni imparate

Per Martell, il loro rapporto è ugualmente importante: “Morrow ha spezzato quella porta per me e mi ha messo nella giusta direzione, e non mi ha mai abbandonato. Mi sono sentito come se fossi suo figlio, e che era orgoglioso di me. Era tutto ciò che avevo sognato”.

Martell vuole ora usare la sua carriera per migliorare la vita dei suoi figli e delle generazioni future, e usare la sua storia “per spianare la strada ad altri che si trovano dov’ero io anni fa”.

Il giudice Morrow ha riassunto così la vicenda:

“L’amore cambia le persone. È la lezione più importante che tutti dovremmo imparare da questa storia”.

Tags:
compassionegiudiziorinascita
Top 10
See More