Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Perché non c’è il tempio di Gerusalemme?

JERUSALEM WESTERN WALL

suor Amata CSFN

padre Paweł Rytel-Andrianik - pubblicato il 06/03/21

Commento al Vangelo secondo S. Giovanni 2, 13-25

1. Dov’era?
Il Tempio di Gerusalemme è il luogo più santo sulla terra secondo la Bibbia. Dopo essere stato ampliato da Erode, secondo il Vangelo era uno degli edifici più belli del Medio Oriente. La decorazione finale di questo tempio fu completata solo pochi anni prima del 70 d.C., quando il tempio fu distrutto dall’esercito romano. Ne è rimasto solo il famoso muro sul lato ovest, chiamato Muro del Pianto. Nel 7° secolo, sul terreno del tempio i musulmani eressero un monumento noto per la sua cupola dorata. C’è una moschea accanto ad essa.

2. Parole chiave

Tempio – Gesù dice: “Distruggete questo tempio e io in tre giorni lo ricostruirò”. La gente era scioccata. Gesù, tuttavia, non voleva sminuire il tempio. Solo più tardi capirono che parlava della risurrezione. “Parlava del tempio del suo corpo”. Il corpo di Gesù è stato distrutto, ma il terzo giorno è risorto ed è vivo. Sebbene non ci sia un tempio a Gerusalemme, questo è il tempio nuovo e definitivo: Gesù Cristo, presente in mezzo a noi nell’Eucaristia che si trova nelle chiese e nelle cappelle.

La frusta di Gesù – Il gentile Gesù scacciò i venditori dal tempio con una frusta, gettò le monete dei cambiavalute e rovesciò i tavoli. Molti si meravigliavano per quello che Gesù aveva fatto. La risposta è nel Vangelo. Era zelante per la casa di Dio. Non era indifferente.

Molti credettero – Nel Vangelo secondo S. Giovanni si dice circa 100 volte che le persone credettero in lui, vedendo ciò che Gesù faceva e insegnava. Gesù è venuto perchè le persone non solo credessero in Dio, ma confidassero in Dio, riponessero la loro fede in Lui. Come sta scritto sotto l’immagine di Gesù Misericordioso: “Gesù, confido in Te”.

3. Oggi
Non sappiamo perché oggi non c’è il tempio di Gerusalemme, ma siamo sicuri che Gesù presente nel Santissimo Sacramento ci aspetta in chiesa. Quando è stata l’ultima volta che l’ho ricevuto la Santa Comunione? Come lo ricevo nella Santa Comunione? Come un amico? Ho tempo per Gesù? Non c’è niente di più santo sulla terra del Corpo di Cristo che riceviamo nella Santa Comunione.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni