Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Cyberbullismo, l’app Keepers avverte i genitori di un bambino in pericolo

Jakub Porzycki / NurPhoto / NurPhoto via AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/01/21

Ad esempio l'app può bloccare il Black Out Challenge su Tik Tok, e segnalare l'emergenza sullo smartphone dei genitori

Un antidoto digitale contro il cyberbullismo. L’appKeepers è stata menzionata in un’indagine conoscitiva sul bullismo e cyberbullismo curata dall’ufficio di segreteria della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza commissionata dalla XVIII Legislatura.

Come funziona l’app

Keepers si può scaricare da qualsiasi app store. Si può installare sul proprio smartphone e su quello che si vuol seguire. L’app è attivata a pagamento o in partnership con Vodafone Italia. Ha una prova gratuita di 7 giorni. E si affianca alle attente politiche sulla sicurezza dei grandi colossi della rete, che garantiscono la sicurezza degli utenti attraverso la censura di qualsiasi contenuto ritenuto violento o pericoloso.

Grazie a un sistema tecnologicamente avanzato, viene costantemente effettuata un’analisi dei contenuti presenti sul dispositivo del bambino. L’app Keepers identifica tutte le situazioni allarmanti avvisando in tempo reale il genitore e scongiurando pericoli derivati da cyberbullismo.

By ra2 studio | Shutterstock

Perchè si sarebbe evitata la tragedia

L’app Keepers avrebbe avvisato, ad esempio, i genitori della bambina di Palermo «che ha partecipato alla Black Out Challenge su Tik Tok – spiega Aviad Meshel, CEO e co-fondatore di Keepers -. Abbiamo effettuato delle prove con la nostra app: i termini utilizzati per la propagazione del gioco sarebbero stati riconosciuti. E segnalati dal nostro algoritmo perché presenti nell’elenco-vocabolario delle parole ritenute da noi potenzialmente pericolose. Siamo molto addolorati perché keepers nasce proprio per permettere ai più piccoli di crescere serenamente e nel miglior modo. Soprattutto in un momento delicato come questo».


BABY GIRL, TIK TOK

Leggi anche:
Palermo: morta a 10 anni per una sfida su TikTok. Siamo impotenti?

“Soffocare” e “sospeso”

In questo modo anche un rischioso ‘gioco di resistenza’, può essere interrotto dall’app Keepers «grazie alle segnalazioni sottoposte all’attenzione dei genitori», fa sapere Hanan Lipskin, co-fondatore di Keepers. L’app riconosce, ad esempio, le parole pericolose tra cui le stesse ‘Black Out Challenge’, scarfing (soffocare) e hanging (sospeso, appeso) sia in italiano che in lingua originale. «E avrebbe lanciato un allarme sullo smartphone collegato», dice Lipskin, riferendosi sempre al caso di Palermo.

Nessuna parola offensiva

La grande novità Keepers è di saper arginare anche il cyberbullismo “silenzioso”. Cioè essere in grado di avvisare il genitore di una conversazione pericolosa, anche se non contiene parole offensive. Ciò avviene grazie agli algoritmi di riconoscimento del linguaggio naturale, il cosiddetto NLP, che identifica le emozioni dal testo anche se non sono presenti parole esplicitamente lesive (Famiglia Cristiana, 23 gennaio 2021).


ABORTION

Leggi anche:
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” aborto su Tik Tok (VIDEO)

CLICCA QUI PER INFO SU KEEPERS.

Tags:
apptik tok
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni