Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
Ascensione
home iconNews
line break icon

La Conferenza episcopale americana condanna le violenze a Washington

Stringer | Sputnik via AFP

Lucandrea Massaro - pubblicato il 07/01/21

Mai così acute le divisioni nel paese simbolo della democrazia occidentale, divisioni che i vescovi chiedono di sanare col dialogo e la preghiera

Le immagini delle proteste a Washington in quella che doveva essere una giornata per lo più formale che prendeva atto, nelle istituzioni, dei risultati elettorali di Novembre scorso, la vittoria di Joe Biden. Ma quello che doveva essere poco più che un atto dovuto si è trasformato in un momento di tensione a causa di una ampia folla di sostenitori del Presidente uscente, Donald Trump, che hanno prima superato le – non proprio efficaci – resistenze della polizia di Washington DC e sono entrati al Congresso, dove si svolgeva la votazione. Momenti concitati, e purtroppo ben quattro morti confermate, undici feriti e oltre una cinquantina di arrestati (La Stampa).

Le immagini che entreranno nella storia

Immagini come queste che resteranno nella memoria collettiva per molto tempo:

o anche di personaggi – come Jake Angeli – divenuti il simbolo di questa insurrezione fomentata dall’isteria complottista di fenomeni come QAnon, di cui lo stesso Angeli si dice “sciamano”, nel senso di propagandista (è molto noto in quegli ambienti infatti)

Photo by Saul LOEB / AFP

Cosa dicono i vescovi?

Non è mancata una presa di posizione dei vescovi americani:

L’arcivescovo José H. Gomez di Los Angeles, presidente della U.S. Conference of Catholic Bishops (USCCB), ha rilasciato la seguente dichiarazione in risposta alle violenze di oggi nel Campidoglio degli Stati Uniti: “Mi unisco alle persone di buona volontà nel condannare la violenza di oggi al Campidoglio degli Stati Uniti. Questo non è quello che siamo come americani. Prego per i membri del Congresso e del personale del Campidoglio e per la polizia e tutti coloro che lavorano per ristabilire l’ordine e la pubblica sicurezza. “La transizione pacifica del potere è una delle caratteristiche di questa grande nazione. In questo momento preoccupante, dobbiamo impegnarci nuovamente a rispettare i valori e i principi della nostra democrazia e unirci come un’unica nazione sotto Dio. Affido tutti noi al cuore della Beata Vergine Maria. Che ci guidi nelle vie della pace, e ci ottenga saggezza e la grazia di un vero patriottismo e amore per la patria.”

A questo comunicato si sono aggiunti, grazie ai social, anche altri da parte dei singoli vescovi che hanno voluto rimarcare la propria indisponibilità a legittimare la violenza come il vescovo Robert Barron che chiede al paese di farsi un esame di coscienza e di aver provato grande amarezza nel vedere uno spazio “sacro” per la vita civile del paese profanato dalla violenza e dal disprezzo per le istituzioni.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Bishop Robert Barron (@bishopbarron)

“Gli eventi di oggi mostrano il percorso immensamente pericoloso di divisione e polarizzazione che il nostro paese ha intrapreso in questi ultimi quattro anni”, ha detto al National Catholic Register , il vescovo di San Diego Robert Mcelroy. “Abbiamo bisogno di iniziare immediatamente una rigenerazione morale e spirituale nell’ambito pubblico  che tocchi il cuore degli americani e ci aiuti tutti a vedere attraverso il prisma di questo terribile attacco alla nostra democrazia,” ha aggiunto, dicendo che il paese deve abbracciare il dialogo e affrontare la divisione di questi anni mentre cerca di andare avanti.

Tags:
donald trumpjoe bidenprotestestati uniti d'america
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni