Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Albertina, Isabel e Benigna, le tre martiri della castità brasiliane

mártires da castidade

Facebook Beata Albertina Berckenbrock / Bastião Já Sabe-CC BY-SA 4.0 / Diocese do Crato

José Miguel Carrera - pubblicato il 12/11/20

Non sono note solo per il modo in cui sono morte, ma anche per come hanno vissuto, e sono un esempio per i giovani

Il Brasile ha tre donne note come “martiri della castità”. Sono morte difendendo la loro purezza, e sono un modello per la gioventù brasiliana, non solo per come sono morte, ma anche per il modo in cui hanno vissuto. Avevano in comune uno stile di vita caratterizzato dalla fede, dalla preghiera e dall’aiuto al prossimo.

Albertina Berkenbrock

Albertina era nata l’11 aprile 1919 a Imaruí, nello Stato brasiliano di Santa Catarina. Aveva ricevuto fin da molto presto una formazione cattolica e partecipava attivamente alla vita religiosa della sua comunità, confessandosi spesso e comunicandosi sempre.

Il 15 giugno 1931 Albertina, all’epoca dodicenne, perse la vita per preservare la sua purezza spirituale e fisica.

Quel giorno andò a cercare un bue al pascolo, ma lungo la strada incontrò il suo aguzzino. Quando la ragazza gli chiese se avesse visto l’animale che stava cercando, l’uomo le diede una falsa pista e la mandò in un luogo dove cercò di violentarla.

All’inizio la gettò a terra e tentò di stuprarla, ma lei si coprì quanto più poteva con il vestito. Non riuscendo ad avere la meglio su di lei, il criminale le affondò un coltello nel collo.

La fama di Albertina iniziò a circolare rapidamente tra la popolazione locale, che conosceva la ragazzina, la sua educazione cristiana, l’amore per la famiglia e per il prossimo e il comportamento segnato da pietà e carità.

Albertina Berkenbrock è stata proclamata beata il 20 ottobre 2007 da Papa Benedetto XVI.

Isabel Cristina Mrad Campos

Il 1° settembre 1982, la giovane studentessa dello Stato di Minas Gerais Isabel Cristina Mrad Campos subì un tentativo di violenza da un uomo che era andato a montare un armadio nel suo appartamento. Lei cercò di resistere, ma l’aggressore le diede una sedia sulla testa, poi la legò, la imbavagliò e le stracciò i vestiti.

Visto che continuava a resistere alla violenza, l’uomo non riuscì a stuprarla, ma la uccise con 15 coltellate.

Nel 2001 Isabel Cristina ha ricevuto il titolo di Serva di Dio. Per otto anni, un Tribunale Ecclesiastico ha raccolto le deposizioni di decine di persone per verificare la religiosità della ragazza, che dall’adolescenza faceva parte della comunità di volontari della Conferenza dei San Vincenzo.

Nell’ottobre 2020, Papa Francesco ha riconosciuto la sua morte “in defensum castitatis” (in difesa della castità). Il Vaticano l’ha così dichiarata martire e ha approvato la sua casa di beatificazione, per la quale non è ancora stata stabilita una data.

Benigna Cardoso da Silva

Un altro esempio di brasiliana martire della castità è Benigna Cardoso da Silva, nata il 15 ottobre 1928 a Santana do Cariri (Ceará). Il 24 ottobre 1941, a 13 anni, morì violentemente dopo essersi rifiutata di avere rapporti sessuali con un adolescente.

La ragazzina uscì di casa per cercare dell’acqua, ma Raul Alves la accoltellò dopo che lei aveva opposto resistenza ai suoi tentativi di avere rapporti sessuali.

Da allora la devozione alla ragazzina è aumentata. Nel 2004 è iniziato il Pellegrinaggio chiamato Romaria da Menina Benigna, che si svolge dal 15 al 24 ottobre ed è entrato nel calendario ufficiale dello Stato di Ceará nel giugno 2019.

La sua beatificazione era prevista per il 2020, ma è stata sospesa a causa della pandemia di coronavirus.

Tags:
brasilecastitàmartiri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni