Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconChiesa
line break icon

La Croce Rossa è stata ispirata da un santo cattolico?

CAMILLE LELLIS

Domaine Public

Philip Kosloski - pubblicato il 27/10/20

Vedendo questa discrepanza, e anche per via dell’incremento dei feriti a causa della tecnologia delle armi da fuoco, nel 1862 Henry Dunant propose dei miglioramenti per aiutare ad alleviare la situazione: “Stabilire, in tempo di pace e in tutti i Paesi, gruppi di volontari che prestassero aiuto alle vittime sui campi di battaglia; far sì che i Paesi accettassero di proteggere i volontari soccorritori e i feriti sul campo di battaglia”.

Un comitato si riunì nel 1863 per considerare le sue proposte, e si concordò questo:

“Adottare un unico segno distintivo, che contasse su un sostegno giuridico, per indicare l’obbligo di rispettare i servizi medici delle forze armate, i volontari soccorritori delle società che prestavano servizio di primo soccorso e le vittime dei conflitti armati. Il simbolo doveva essere semplice, identificabile a distanza, noto a tutti e identico per amici e avversari. L’emblema doveva essere lo stesso per tutti e riconoscibile a livello universale”.

Croce Rossa e Camilliani

Nel 1864, la Prima Convenzione di Ginevra ha approvato la croce rossa su sfondo bianco come simbolo facilmente identificabile.

Il simbolo ha cercato più ispirazione nella bandiera nazionale della Svizzera che in San Camillo de Lellis. Come spiega la Croce Rossa Internazionale, “visto che il simbolo doveva riflettere la neutralità dei servizi medici delle forze armate e la protezione che veniva data loro, l’emblema adottato è stato creato invertendo i colori della bandiera svizzera”.

Visto che il bianco è considerato tradizionalmente un simbolo di resa, il bianco sul campo di battaglia è protetto.

La Croce Rossa e i Camilliani hanno quindi emblemi simili e una missione quasi identica, ma la loro ispirazione differisce in modo sostanziale.

  • 1
  • 2
Tags:
croce rossasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni