Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Approfondimenti

Vita davanti alla morte

ODWAGA

realine media | DepositPhotos

Quotidiano Meeting - pubblicato il 25/08/20

Dall'emergenza Covid all'eutanasia al Meeting di Rimini si è parlato della ragionevolezza della vita. Fino in fondo.

di Chiara Ugolini

Piena emergenza Covid i letti negli ospedali sono tutti occupati e qualcuno deve scegliere chi ha più possibilità di sopravvivere. E ancora: dopo anni di sofferenza si può decidere di morire? O è più ragionevole lottare fino alla fine?

A queste domande hanno cercato di rispondere, al Meeting, tre storie di vita e di tentativi di “cambiare le cose”. L’occasione è stata l’incontro “La vita: un mistero”.

“Nessuno poteva darci la certezza che il letto in terapia intensiva già occupato da un paziente non avrebbe potuto salvare un altro ammalato arrivato dieci minuti dopo – ricorda Antonio Pesenti, responsabile del dipartimento di Anestesia e rianimazione del Policlinico di Milano -. I posti non bastavano mai e continuavano ad arrivare persone”. Non c’era tempo per pensare, “dovevamo agire in fretta, ma anche seguire la logica”, aggiunge il medico che ha coordinato la rete delle Rianimazioni lombarde.

“Per ricoverare insieme più di millequattrocento malati di coronavirus – sottolinea Pesenti – abbiamo trasformato in terapie intensive corridoi e sale operatorie dopo aver sospeso tutti gli interventi non urgenti. A volte è stato impossibile ricoverare tutti, per questo alcuni pazienti sono stati trasferiti in altre città o addirittura all’estero”.

Guardarsi indietro e individuare errori commessi, può essere facile. Ed è necessario. I medici sfidavano il virus mettendo a rischio la propria vita, avendo tra le mani la responsabilità di scegliere chi salvare. Intanto donatori e volontari mettevano anonimamente il loro coraggio a disposizione di tutti, “i giornali dimenticavano il senso etico della scienza – sottolinea Pesanti –. Invece, in questi casi di emergenza bisogna astenersi dal parlare di ricerca e innovazione se si è ancora nella fase sperimentale”.

La morte ci ha colti impreparati durante la pandemia, le persone non hanno avuto neppure la possibilità di salutare i propri cari dopo averli affidati alle cure di infermieri e medici.

La stessa morte che, a volte, è cercata come soluzione finale o come drammatica via di fuga dalla sofferenza. “Un’opzione che troppo facilmente viene concessa”, sottolinea Theo Boer, ex membro della Commissione ministeriale olandese sulle autorizzazioni alle richieste di eutanasia. Dopo essere stato un convinto sostenitore della “dolce morte”,  Boer ha deciso di dare le  dimissioni quando si è “accorto che l’eutanasia era divenuta in Olanda il modo automatico di morire (la default way to die) – sottolinea -. I Paesi Bassi sono stati tra i primi a legalizzare la morte assistita, ma ad oggi non sta portando alcun beneficio”. Ad esempio, l’aumento di casi di eutanasia non ha comportato una riduzione dei suicidi, anzi negli ultimi dieci anni sono aumentati entrambi. “La morte assistita cambia il modo in cui noi gestiamo la malattia e la tragedia. L’offerta genera la domanda, se l’eutanasia non fosse legale meno persone sarebbero attratte da questa opzione”, aggiunge Theo Boer.

Elvira Parravicini, docente di Pediatria all’Università della Columbia e direttrice del programma neonatale “Comfort care”, si occupa invece da sempre della nascita. “La vita deve essere vissuta in modo naturale”, è il suo mantra. Il suo programma infatti prevede cure palliative neonatali a bimbi con aspettativa di vita limitatissima: un bimbo malato, anche se neonato, ha il diritto di “guidare il medico” con i suoi ultimi respiri. Non è necessario accanirsi nel tentativo di  un impossibile miracolo clinico. E’ più importante godere la vita riconoscendone il valore, per come è in quel momento,  in quella particolare circostanza. “Tra i miei pazienti ricordo Samuel, la sua famiglia sapeva fin dalla gravidanza che la sua vita sarebbe stata breve – racconta Elvira Parravicini –. Dopo la nascita ci siamo trovati di fronte a un ulteriore complicanza e mentre noi medici cercavamo di decidere se operare, uno dei miei infermieri ci ha ricordato “che eravamo ancora vivi”. Così Samuel è stato lavato, vestito e tra le braccia della madre, il suo piccolo cuore si è fermato. “Questo non è un caso eccezionale – ricorda la docente – ma è solo uno dei tanti esempi in cui i miei piccoli pazienti mi sorprendono e io mi lascio guidare da loro”.

Qui l’originale

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
meeting di riminimeeting di rimini 2020pandemia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni