Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Dio ha salvato Gesù morto, e farà lo stesso con te

coronavirus

Haris Mm | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 14/07/20

Hai paura di pensare al futuro? La pandemia è come il deserto che il popolo ebraico ha attraversato fino alla terra promessa. Vivi senza preoccuparti del futuro

Mi piace di tanto in tanto guardare indietro con il cuore grato. Mi piace pensare alla mia storia santa che elaboro mano nella mano con Dio. Egli tesse un’opera d’arte con i fili impacciati e fragili della mia carne e della mia anima.

Ha risposto al mio anelito profondo e mi ha aperto una porta in mezzo alle oscurità della notte. Una porta piena di luce.

Mi ha commosso il suo passaggio rapido o lento al mio fianco, mantenendo la distanza. Per non esercitare pressioni, per non forzare la libertà che Egli tanto rispetta.

Ho sentito la sua mano quando tutto sembrava perduto. Come ora, quando vedo crollare ai miei piedi il mondo che ho sognato.

Non era perfetto, ma era pieno delle mie abitudini, dei miei sogni, dei miei passi. Quando tutto si spezza all’improvviso senza che io abbia la colpa, mi resta solo di camminare in mezzo al mio deserto.

Non rallentare il passo, non calmare la voce, non addormentare la forza della mia volontà salda e sicura. Mi resta solo di confidare come se alla fine del tunnel apparisse una luce sicura, un raggio costante, un fuoco che rischiara i miei passi oscuri.

Una storia che si ripete

Come non continuare a confidare quando guardo la storia dei senti in cui Dio è rimasto nascosto, disposto a compiere il salto per salvare una vita?

Il popolo di Dio ha camminato nel deserto per quarant’anni. Aveva dubbi e paura e desiderava tornare nel Paese che aveva abbandonato, dove era schiavo ma viveva sicuro e sazio.

Dio ha compassione del suo popolo, di suo figlio, e diventa suo compagno inseparabile, in particolare nei tempi più duri:

“Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, il tuo Dio, ti ha fatto fare in questi quarant’anni nel deserto per umiliarti e metterti alla prova, per sapere quello che avevi nel cuore e se tu avresti osservato o no i suoi comandamenti… (Non dimenticare ) il Signore, il tuo Dio, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa di schiavitù; che ti ha condotto attraverso questo grande e terribile deserto, pieno di serpenti velenosi e di scorpioni, terra arida, senz’acqua; che ha fatto sgorgare per te acqua dalla roccia durissima; che nel deserto ti ha nutrito di manna che i tuoi padri non avevano mai conosciuta”.

Deserto fisico e spirituale

Mi piace come fa memoria il popolo ebraico. Quel deserto non assomiglia al tempo che vivo ora? Vorrei che tutto passasse, per poter arrivare a una terra promessa e sconosciuta allo stesso tempo. Una casa ancora non abitata. Una ricchezza che non ho ancora degustato.

Il periodo che vivo ora mi ricorda quel deserto in cui l’acqua e il pane sono scarsi. Anch’io sento che mi mancano il pane e l’acqua.

La fame e la sete di infinito in questo deserto della pandemia. Dio mi vuol dare solo una manna come cibo, come a quel popolo schiavo che fuggiva verso la libertà.

Non sono forse uno schiavo di tante cose nella mia vita imborghesita? Schiavo di piaceri e di possessi. Schiavo di successi e di desideri. Schiavo di denaro.

Sì, lo sono, e ora vivo nel deserto sentendo la mancanza come il popolo ebraico del cibo del tempo della schiavitù. Schiavo, ma con lo stomaco pieno.

Ora sogno di essere libero con lo stomaco vuoto. Ho fame e sete e ricevo solo una manna temporale, che si getterà via il giorno stesso, come quella che mangiava il popolo ebraico in quel deserto.

Manna per oggi

Dio viene nella mia vita ogni giorno. Mi nutre tutti i giorni. Ma io chiedo a Dio di garantirmi il futuro, i prossimi mesi.

Vorrei congelare il pane per tirarlo fuori quando è necessario. Non mi basta quella manna caduca di un giorno. Ho paura della provvisorietà della mia vita.

Solo un giorno garantito. Dio non ha potuto salvare la vita di Gesù a modo mio, come avrei desiderato. Ha usato un’altra strada, quella meno pensata, meno attesa. Anche la meno sognata da Lui, ma gli uomini sono stati liberi.

Confidare

Ha salvato Gesù dalla croce restituendogli la vita quando era già morto. Farà lo stesso con me, anche se ora mi sembra che tutte le mie sicurezze, i miei punti di forza, i miei pilastri stiano crollando.

Tutto sembra venir meno in mezzo a una pandemia della quale non si conosce bene la fine, in cui non si vede la luce alla fine dell’oscurità del tunnel.

Ho paura come quei bambini che di notte non vogliono chiudere gli occhi. Temono i fantasmi e i rumori dell’oscurità. Sorge la paura nella mia anima pensando a tutto ciò che verrà.

Non ci sono certezze, non ci sono sicurezze. Mi spaventa questa vita. Custodisco quella manna quotidiana nelle mie mani volendo sostenere la vita, trattenerla fino all’ultimo respiro.

PRAY
Shutterstock

Non voglio arrivare alla fine di quello che amo. Desidero l’inizio di quello che sogno e continuo a camminare nel deserto. Il sole delle paure pesa. Fa male la fatica di una vita piena di minacce.

Chi protegge la mia vita? Dio. Quella di ora, temporale, e soprattutto quella eterna. Quella che diventerà piena in un cielo che ora non riesco neanche a immaginare.

Ringraziamento e lode

Come non rendere grazie a Dio per tutto il bene che mi ha fatto, e per tutto quello che me ne farà? Voglo lodare Dio con le parole del salmo:

“Loda il tuo Dio, Sion. Perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli. Egli ha messo pace nei tuoi confini e ti sazia con fior di frumento”.

Dio mi benedice ogni giorno. Sostiene i miei piedi perché non faccia passi sbagliati. Sostiene la mia anima perché non si lasci trascinare dalla disperazione. Ogni giorno ha il suo affanno e la sua preoccupazione.

Gesù cammina ogni giorno donandomi il suo cibo. Il suo corpo e il suo sangue. La manna di cui ho bisogno per continuare a sognare e a soffrire. Tutto nelle sue mani.

Tags:
gesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.