Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconStorie
line break icon

Bolivia: perché tutti parlano dell'“infermiera della bici”?

BOLIVIA

Viral | Fair use

Pablo Cesio - pubblicato il 25/06/20

La sua immagine in mezzo a un temporale è diventata virale e ha suscitato ampio riconoscimento del lavoro degli operatori sanitari nella crisi della pandemia di coronavirus

Santa Cruz, Bolivia, lunedì 22 giugno. La pioggia cadeva abbondante e ha inondato case e strade. In questa situazione è stata scattata un’immagine che ha cambiato la vita di un’infermiera, perché è diventata virale e si è trasformata in un sinonimo di perseveranza in un momento di carenze a causa della pandemia di Covid-19.

Lei è Mary Luz Salazar (28), ausiliare di infermeria che pedalava nelle strade invase dalla pioggia per tornare a casa dopo un turno di lavoro in un centro sanitario locale.

“Ho deciso di andare in bicicletta perché la distanza non era molta, perché il pullmino raccoglie molti colleghi, la maggior parte vive lontano e ci vuole tempo, e quindi ho deciso di fare prima”, ha indicato la ragazza al programma Asuntos Centrales, come riferisce Correo del Sur.

La testimonianza di Mary Luz ha “inondato” i mezzi di comunicazione, e si è saputo che studia Biochimica e Farmacia e con il suo lavoro aiuta la famiglia, composta dai genitori e quattro fratelli.

In un’intervista pubblicata da El Deber, Mary Luz ha spiegato perché ha deciso di dedicarsi alla professione infermieristica: “Mi è sempre piaciuto il mio lavoro, il fatto di aiutare gli altri”.

“Abbiamo sempre paura, incertezza, ma nonostante tutto se stiamo attenti alle misure di biosicurezza siamo abbastanza tranquilli. Dobbiamo essere sani, perché senza di noi un paziente in condizioni critiche non potrà uscire da quella situazione, e allora dobbiamo resistere e proteggerci. Trovare la forza dove non c’è. Se una persona cade, deve affrontare la situazione con tutta la fiducia possibile. Per questo esorto tutti i miei colleghi che risultano positivi al coronavirus. Poi tutto questo passa e la vita va avanti”.

Chi l’ha fotografata? Era un altro dubbio da risolvere per capire meglio questo episodio.

“Si chiama Neymar, e lo andrò a trovare spesso per condividere il cibo con lui e ringraziarlo di tutto, perché se non fosse stato per la sua foto non avrei vissuto questa benedizione di Dio”, ha detto umilmente Mary Luz.

Il suo gesto ha avuto infatti varie conseguenze positive. Oltre all’annuncio da parte delle autorità sanitarie di un bonus lavorativo definitivo per lavorare nel centro in cui opera, Mary Luz ha anche ricevuto a sorpresa una motocicletta da parte di un’impresa di Santa Cruz.

Con lei, l’applauso simbolico di tante persone nei confronti del personale sanitario si è trasformato in azione, e nella ragazza si riassume lo sforzo poche volte visto e riconosciuto di chi dedica lunghe ore della sua vita ad accompagnare gli altri e a salvare vite umane. In questo caso le reti sociali hanno aiutato a “toccare il cuore”.

BOLIVIA
@evoespueblo

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
boliviacoronavirusinfermieri
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni