Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Medico cattolico sceglie di vivere con i senzatetto per proteggerli dal coronavirus

Photo courtesy of Dr. Thomas Huggett
Condividi

Ispirato da Madre Teresa, il dottor Thomas Huggett e il suo team si prendono cura delle fasce a rischio, e la pandemia ha aumentato fortemente i loro sforzi

Quando è iniziata la pandemia di Covid-19, alcune delle persone più a rischio erano i senzatetto. Il dottor Thomas Huggett, un medico di Chicago (Stati Uniti), si prende cura da anni delle fasce di popolazione a rischio. Quando il virus ha raggiunto la sua città, insieme ai suoi colleghi del Lawndale Christian Health Center ha capito che doveva fare qualcosa per proteggere i più vulnerabili.

La soluzione che hanno trovato? Lavorare con le autorità civili di Chicago per affittare centinaia di stanze in due hotel del centro per creare una struttura per l’isolamento dei senzatetto.

“Lavoro da decenni con i senzatetto, e in questo periodo stiamo ospitando persone che non hanno un posto in cui proteggersi dal coronavirus”, ha riferito Huggett ad Aleteia spiegando alcune delle motivazioni dietro a questa decisione:

“Per motivi di sicurezza, la gente sta applicando il distanziamento sociale e sta rimanendo a casa, ma i senzatetto non hanno una casa in cui proteggersi. Molti usano grandi strutture, quelle che chiamiamo congregate settings, in cui 200-300 persone si trovano nella stessa stanza. Può essere una situazione molto pericolosa in cui il virus può diffondersi facilmente. È qualcosa di simile a una casa di riposo, con molte persone in un unico spazio”.

“Temiamo che il virus possa diffondersi rapidamente in questi ambienti, e soprattutto molte delle persone in questione sono ad alto rischio a livello sanitario: hanno più di 55 o 60 anni, magari hanno il diabete o problemi cardiaci, o altre problematiche. Ciò vuol dire che affrontano rischi letali, e quindi abbiamo sentito che era nostro compito proteggere i senzatetto ad alto rischio”.

Huggett è il medico responsabile del programma, e si è trasferito in uno degli alberghi per offrire assistenza continua agli ospiti inclusi nel programma. “Resto qui la maggior parte delle notti”, ha affermato, “ma vado a casa una volta a settimana per fare il bucato, prendere la posta e controllare le mie rose”.

Il lavoro di Huggett con le persone a rischio è straordinario, ma per lui non è qualcosa di nuovo, quanto la prosecuzione di decenni di lavoro con un team di persone che la pensano allo stesso modo. Huggett fa parte di un’oganizzazione che svolge l’opera di Dio nel West Side e nel South Side di Chicago fin dagli anni Ottanta.

Il sito web dell’organizzazione dice:

“La missione del Lawndale Christian Health Center è quella di mostrare e condividere l’amore di Gesù promuovendo il benessere e offrendo assistenza sanitaria accessibile e di qualità per le comunità di Lawndale e delle comunità vicine”.

Gli operatori sanitari dell’organizzazione si prendono cura dei loro pazienti a livello di salute della mente, del corpo e dello spirito. Il loro lavoro è decisamente necessario, e non stupisce che il Comune di Chicago si sia rivolto al Lawndale Christian Health Center per prendersi cura dei senzatetto durante questa crisi sanitaria.

Huggett non è l’unico medico a rimanere nell’hotel trasformato in ostello, perché anche altri operatori fanno i turni per rimanere di notte. “In qualsiasi giorno ci sono circa 35 persone che lavorano nell’hotel. Già solo provvedere ai pasti e portarli su e giù con gli ascensori è un’impresa, e ogni giorno ci sono 10 operatori sanitari che fanno visita agli ospiti nelle loro stanze”.

Negli alberghi in questione, ogni ospite ha una stanza personale con bagno e doccia e riceve 3 pasti in camera al giorno, nonché visite quotidiane di un operatore sanitario.

I due hotel in questione hanno ospitato per ora 240 persone, e il giorno in cui ho parlato con Huggett erano 163. “Stiamo lavorando con 20 rifugi di tutta la città di Chicago, e ci andiamo regolarmente per individuare persone ad alto rischio per organizzare il loro trasferimento in albergo”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni