Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconChiesa
line break icon

Il ritorno delle “pinzette eucaristiche” per distribuire la Santa Comunione

pinça eucarística

Daniel Karmann/dpa Picture-Alliance via AFP

Aleteia - pubblicato il 12/05/20

Contrariamente a quello che molti potrebbero pensare, non sono un elemento moderno, ma fanno parte della liturgia da secoli

La graduale riapertura delle chiese per le Messe e gli altri riti liturgici celebrati con la presenza fisica dei fedeli ha richiesto attenzioni speciali per evitare i contagi da coronavirus. Tra le misure ci sono l’igienizzazione delle mani all’ingresso delle chiese, l’adozione di segni a terra per garantire la distanza di almeno un metro e mezzo tra i fedeli in fila per la Comunione e il distanziamento tra i banchi e dei posti all’interno di essi.

Oltre a queste e altre misure, ce n’è una che ha richiamato particolarmente l’attenzione di chi ha visto le fotografie della riapertura delle chiese in vari luoghi europei: l’uso delle pinzette eucaristiche.

Si tratta di pinzette speciali con le quali il sacerdote consegna l’ostia al fedele al momento della Comunione senza toccarla con la mano.

Per molti fedeli, l’uso di questa risorsa è sembrata una “triste novità” sorta ora, ma in realtà le pinzette eucaristiche fanno parte della liturgia eucaristica da secoli, e cercano di preservare la reverenza nei confronti del Corpo di Cristo in circostanze di emergenza sanitaria.

Sono strumenti usati storicamente in periodi di pesti ed epidemie per aiutare a distribuire la Santa Comunione con sicurezza e dignità, evitando, ad esempio, che l’Eucaristia venga distribuita in sacchetti di plastica individuale, come è stato suggerito da alcune autorità di Italia e Brasile, ipotesi enfaticamente scartata dall’episcopato di entrambi i Paesi.

pinça eucarística
Desta Italia

Ci sono vari riferimenti all’uso delle pinzette eucaristiche, ad esempio nel XIV secolo alla corte papale di Avignone. Nel corso dei secoli hanno ricevuto varie denominazioni, poi cadute in disuso, come forcipi e tenacoli. Un “tenacolo d’argento” è menzionata nell’inventario del 1315-1316 di Papa Clemente V. L’uso di “tenacoli d’oro” per la Santa Eucaristia è documentata nel Liber de Caerimoniis Sanctae Romanae Ecclesiae (Libro di Cerimonie della Santa Chiesa Romana), della seconda metà del XIV secolo.

Oltre alle pinzette, in alcune località sono stati usati dei cucchiai eucaristici di varia lunghezza, sempre allo scopo di mantenere la reverenza e la dignità necessarie a ricevere la Comunione in periodi di emergenza sanitaria.

pinça eucarística
Desta Italia
Tags:
comunionecoronavirus
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni