Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Storie

L'attrice che ha deciso di essere infermiera per lottare contro il coronavirus

CLARA ALVARADO

Instagram | @granviacomunica

Dolors Massot - pubblicato il 02/04/20

Clara Alvarado è un volto noto al pubblico spagnolo grazie a serie come “La Casa di Carta”, in cui interpretava uno degli ostaggi, Ariadna.

L’attrice ha studiato Scienze Infermieristiche ma non ha mai esercitato la professione, ritenendola un “piano B”. La settimana scorsa, però, di fronte al crescente numero dei contagiati in Spagna e all’appello delle autorità a tutte le persone che potessero lavorare in campo sanitario, Clara ha sentito di dover fare un passo avanti.

“Non si può guardare dall’altra parte”

L’attrice, che ha 29 anni, si è messa in contatto con varie amiche dei tempi dell’università, e una di loro le ha fornito il recapito di un ospedale in cui cercavano urgentemente personale. “Mi era chiaro che non si potesse guardare dall’altra parte, e volevo andare in un luogo in cui potessi essere utile, non in una unità di terapia intensiva o in un reparto in cui la mia mancanza di esperienza potesse rappresentare un problema. Alla fine ho trovato un posto in cui poter svolgere un ruolo e aiutare con un’équipe sanitaria dietro che ti sostiene”, ha dichiarato all’agenzia Europa Press.

Clara pubblicava spesso immagini del suo lavoro come attrice sulle reti sociali. L’abbiamo vista in serie, film e opere teatrali – sempre opere di finzione. Il suo ingresso in ospedale, però, è stato “un colpo di realtà”, come ha confessato lei stessa.

L’attrice ha pubblicato un post in cui annunciava questa nuova situazione, e ha detto che avrebbe dato notizie, anche se magari non assiduamente. Da qualche giorno il suo account Instagram è fermo. Ha lasciato questo messaggio come chi si congeda perché va in guerra, consapevole del pericolo ma comunque ottimista:

“Il sorriso è l’ultima cosa che si perde, ancor più in giorni come questi.
Anche tutto questo passerà. Nel frattempo, trascorrerò i prossimi giorni di quarantena lavorando come infermiera. Ho sempre detto che consideravo la carriera di infermiera il mio piano B, ma da un paio di giorni si è trasformato nel mio piano A. Sono tempi difficili per tutti, ed è così. L’unica cosa che posso dirvi è di essere pazienti, solidali e generosi. Ci riabbracceremo”.

Da allora, il lavoro di infermiera in un centro dipendente dall’Ospedale La Paz di Madrid non le ha lasciato neanche un minuto libero.

“Dobbiamo aiutarci a vicenda”

Clara lo ha spiegato mercoledì scorso all’uscita dal turno alla rivista Cosmopolitan, sulla quale è apparsa molte volte come attrice: “Nessuno si risparmia da quando entriamo a quando usciamo, e dobbiamo aiutarci a vicenda quando entriamo in contatto con i pazienti affetti da coronavirus, con tutto il sistema di isolamento. Abbiamo molte limitazioni a livello di risorse”.

Nel suo messaggio del 27 marzo ha scritto:

“Grazie a tutte le persone che attraverso le reti sociali fanno sì che la quarantena sia meno dura condividendo la loro musica, i loro dipinti, i loro libri, film, riflessioni… grazie.

Sarò un po’ assente, anche se passerò di tanto in tanto per godermi tutti voi e perché mi strappiate un po’ di sorrisi.

Molte coccole, molto amore, molta cura e molta FEDE”.

L’esempio del padre

In quel piano B che ora ha avviato, Clara ha avuto presente l’esempio di una persona molto speciale: suo padre. Quando ha studiato Scienze Infermieristiche, lo ha fatto in parte perché vari membri della sua famiglia lavorano nel campo sanitario. Quella fiamma della vocazione al servizio si è accesa di nuovo.

Come ha scritto nel suo messaggio su Instagram, “Papi, questo è per te! Tu vai in pensione e io entro. Sei stato e sarai sempre il mio migliore esempio come infermiere ☺️”.

CLARA ALVARADO
Instagram | @claraalvarado_

Clara afferma che la professione di infermiera non le farà abbandonare il percorso di attrice o come cantante. Con il gruppo Biutibambú ha compiuto piccole incursioni nella musica, e aveva previsto alcuni concerti poi cancellati per via della quarantena.

View this post on Instagram

La sonrisa es lo último que se pierde y más en días como los que corren. Todo esto, también pasará. Mientras tanto, voy a pasar los próximos días de cuarentena trabajando como enfermera. Siempre dije que tenía la carrera de enfermería como plan B pero desde hace dos días, se ha convertido en mi plan A. Son tiempos difíciles para todos y es así. Lo único que os puedo decir es que seamos pacientes, solidarios y generosos. Volveremos a abrazarnos. Gracias a todas las personas que a través de rrss hacen que la cuarentena sea más llevadera compartiendo su música, sus pinturas, sus libros, sus películas, sus reflexiones… gracias. Estaré un poco más ausente por aquí aunque me pasaré de vez en cuando para disfrutar de todos vosotros y que me saquéis más sonrisas. Mucho mimo, mucho amor, mucho cuidado y mucha FE. • Papi, esto va por ti! Tú te jubilas y yo me incorporo. Siempre has sido y serás mi mejor ejemplo como enfermero ☺️ • PD. Con @biutibambu seguimos trabajando para mostraros algo muy muy pronto. #lasonrisaesloultimoquesepierde #hayesperanza #quedateencasa #stopcoronavírus

A post shared by Clara Alvarado (@claraalvarado_) on

Cambio di progetti futuri

Il contatto con i malati le ha fatto pensare che quella carriera che non ha mai esercitato potrebbe forse accompagnarla in futuro. Non abbandonerà il sogno di salire su un palco tra gli applausi, ma non scarta la possibilità di renderlo compatibile con la professione infermieristica.

L’applauso che ora la conforta di più è quello di tutte le persone che ogni giorno alle 20.00 ringraziano per il lavoro dei sanitari dalla finestra o dal balcone delle proprie case.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
attricecoronavirusinfermierispagna
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni