Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vescovo di Getafe: un giorno trarremo storie di santità da questo momento tanto difficile

GINES GARCIA BELTRAN
Diócesis de Getafe
Condividi

Il vescovo di una delle diocesi spagnole più colpite dal coronavirus offre speranza e suggerimenti per sopportare il dolore

Ci sono luoghi in cui la pandemia del coronavirus sta colpendo con più forza, come la diocesi di spagnola di Getafe. Si tratta di una piccola diocesi della zona di Madrid in cui in alcune cittadine molti anziani e i sacerdoti stanno affrontando una situazione particolarmente difficile.

Monsignor Ginés García Beltrán, vescovo di Getafe, ha spiegato nel fine settimana al Espejo de COPE come la sta vivendo e la sofferenza dei suoi sacerdoti e delle parrocchie. “Molti dei collaboratori più stretti della parrocchia sono morti o stanno morendo”, ma tenta comunque di affrontare questi momenti con speranza: “La grande lezione è che Dio non ha creato tutto questo, perché Dio non crea il male, non crea mai il male, ed è sempre lì per aiutare, per andare avanti, per promuovere la speranza”.

Come sta?

Preoccupato, come tutti. Nella preoccupazione, però, voglio che ci sia sempre speranza, e sto cercando di trasmettere questa speranza nel disastro del coronavirus, che ci ha messi fuori gioco. Com’è possibile che un’entità così piccola che si vede solo al microscopio possa aver spezzato la nostra vita, che ritenevamo perfetta e potente?

JULIAN LOZANO
Gentileza

Come la stanno vivendo i suoi sacerdoti?

Quelli che sono in ospedale stanno tutti migliorando, a poco a poco, perché il recupero è lento, e aumenta il numero dei sacerdoti che restano a casa con i sintomi del coronavirus. Sono seguiti dai sanitari via telefono. Dicono loro di rimanere a casa, di non muoversi e di seguire i consigli che vengono dati loro. Alcuni hanno la febbre molto alta. Abbiamo una dozzina di sacerdoti in quella situazione.

Ma perché accadono queste cose? Perché Dio permette questa pandemia?

Ci sono mali che sono mali morali provocati dall’uomo e altri che potremmo definire passivi, che non sono provocati dall’uomo nella sua libertà, ma vengono dalla natura o indirettamente dall’uomo con un mondo che abbiamo creato dando le spalle alla natura.

È chiaro che Dio non provoca queste cose, ma è in queste cose. La grande lezione è che Dio non ha creato tutto questo, perché Dio non crea il male, non crea mai il male, ed è sempre lì per aiutare, per andare avanti, per promuovere la speranza.

GIRL IGIENIC MASK
Di Fecundap stock - Shutterstock

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.