Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Esiste davvero una Santa Corona, e le sue reliquie sono in Italia!

ŚWIĘTA KORONA

Wikipedia | Domena publiczna

Larry Peterson - pubblicato il 18/03/20

Corona aveva appena 16 anni e diede la vita per confortare un altro cristiano

Vicino alla zona più provata dalla pandemia del coronavirus c’è Anzù (Belluno), dove le reliquie di San Vittore e Santa Corona sono custodite dal IX secolo. Ironicamente, considerando il nome, Santa Corona è considerata uno dei patroni contro le pandemie.

Anche il coronavirus che flagella tutto il mondo prende il nome dal termine “corona”. Spiega The Economist:

“Poco nota ai medici, figuriamoci al pubblico, fino allo scoppio della SARS (sindrome respiratoria acuta grave) iniziata a Guangdong nel 2002, la famiglia del coronavirus è stata riconosciuta per la prima volta dalla scienza negli anni Sessanta del Novecento. I suoi membri hanno ottenuto questo nome perché, sotto i primi microscopi elettronici dell’epoca, la loro forma assomigliava a quella della corona di un re (in realtà, come mostrano i metodi moderni, è più simile a una mina navale vecchio stile). Attualmente ci sono più di 40 membri riconosciuti di questa famiglia, che infettano una vasta gamma di mammiferi e uccelli, inclusi merli, pipistrelli e gatti. I virologi veterinari li conoscono bene per le malattie che provocano nei maiali, nel bestiame e nel pollame”.

Si sa poco di Santa Corona, ma lei e l’uomo per cui pregava, San Vittore, sono inseriti nel martirologio romano e nell’agiografia della Chiesa. C’è ambiguità circa date e luogo del martirio di San Vittore e Santa Corona. La maggior parte delle fonti sostiene che siano stati martirizzati in Siria, all’epoca sotto il dominio romano. Alcuni parlano di Damasco, altri di Antiochia. La maggioranza ritiene che siano stati messi a morte nel 170 d.C., e la maggior parte degli storici concorda sul fatto che siano morti durante il regno di Marco Aurelio e siano stati condannati per ordine di un giudice romano di nome Sebastiano.

La leggenda racconta la storia di un soldato romano di nome Vittore. I Romani scoprirono che era cristiano e lo portarono davanti a un giudice di nome Sebastiano, che disprezzava i cristiani e decise di rendere esemplare il caso di Vittore, che venne legato a un pilastro e frustato fin quando la carne non gli penzolava dal corpo, e allora Sebastiano gli fece cavare gli occhi. Nonostante tutto, Vittore non rinnegò mai Cristo.

Vicino c’era una ragazza di 16 anni di nome Corona. Era la moglie di uno dei soldati, anche lei cristiana (il marito di Corona non sapeva che sua moglie fosse cristiana). Mentre Vittore veniva martirizzato, Corona decise che doveva aiutare quell’uomo che stava morendo lentamente. Decise di annunciare il proprio cristianesimo a tutti i presenti e accorse sul luogo in cui stavano seviziando Vittore. Si inginocchiò e iniziò a pregare per lui, facendogli sapere che era lì per lui. Non ci volle molto perché i soldati lo portassero davanti a Sebastiano.

Quest’ultimo era furioso per il fatto che quella giovane donna avesse mancato di rispetto all’autorità. La fece subito mettere in prigione e torturare, poi ordinò che venisse legata alla cima di due alberi di palma che erano state piegati fino a terra. A un suo segnale, le corde che tenevano gli alberi vennero tagliate. Gli alberi ritornarono alla loro posizione eretta, e la forza fu tale che il corpo di Corona venne lacerato. Sebastiano ordinò poi che Vittore venisse decapitato.

  • 1
  • 2
Tags:
coronavirusreliquia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni