Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da cosa possono astenersi i venerdì di Quaresima vegani e vegetariani?

VEGAN
Lipik stock media - Shutterstock
Condividi

Se tutti i vostri pasti non includono la carne, potete trovare un altro modo per partecipare alla natura sacrificale del periodo

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Nei venerdì di Quaresima, la Chiesa chiede ai cattolici con più di 14 anni di astenersi dal mangiare carne, come “osservanza penitenziale speciale” per unirsi alle sofferenze di Cristo. Questa abitudine deriva dalla convizione tradizionale che Cristo sia morto di venerdì, e quindi ogni venerdì dovrebbe includere qualche atto di penitenza e mortificazione, e la carne è stata sempre il sacrificio tradizionale.

Per vegani e vegetariani, però, questa richiesta è irrilevante. Come può chi evita di mangiare carne e prodotti animali partecipare al carattere sacrificale di questa giornata?

Se chiedete a un vegano o vegetariano cattolico, probabilmente ha fatto una serie di penitenze nel corso degli anni. Il venerdì può essere considerato un giorno penitenziale anche quando ci si astiene dalla carne come stile di vita. Ecco qualche idea da cui trarre spunto…

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni