Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconChiesa
line break icon

Le 5 “C” per cui la gente resta cattolica…

PRAYING

Exe Lobaiza | Cathopic

Matthew Becklo - pubblicato il 26/02/20

3. Comfort

Un terzo motivo è che il cattolicesimo offre una fonte affidabile di comfort in un mondo incerto. La vita di fede, spesso legata al sostegno di una cultura e di una comunità, offre benefici psicologici positivi, come hanno confermato sia la scienza che i sondaggi, e comporta il piacere del benessere, delle esperienze familiari e del senso di sicurezza.

Moltissime persone, ovviamente, si sono rivolte alla propria fede nei momenti di oscurità e di prova, e non voglio affatto sminuirlo, ma se quello che cercate davvero è il conforto, perché non rivolgervi a un’altra denominazione che lo offre in grado maggiore? Perché non abbandonare del tutto la fede per ricorrere ad alcool, cibo, sesso, viaggi, divertimenti, ecc.? Questi “conforti” non comportano al contempo sacrificio di sé e autocontrollo, il cristianesimo sì. Come ha scritto C.S. Lewis, “se volete una religione che vi faccia sentire davvero a vostro agio non raccomando certamente il cristianesimo”. Sulla stessa linea, Benedetto XVI ha detto: “Il mondo ti offre comfort, ma non sei stato fatto per il comfort. Sei stato fatto per la grandezza”.

4. Condotta

Un quarto motivo è il fatto che la Chiesa offre una guida sicura per noi e per la nostra condotta familiare – un’“impalcatura” per strutturare la propria vita, come ha affermato di recente . Il mondo può essere un luogo confuso, e il relativismo morale potrebbe diffondersi come una dittatura, ma le parrocchie e le scuole cattoliche instillano ancora i valori tradizionali: generosità, servizio, disciplina. E i cattolici hanno il grande sollievo del Magistero, un’autorità di insegnamento vivente che offre linee guida chiare su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Anche questo è indispensabile, ma come nel caso del comfort, se il vostro cattolicesimo è alla fin fine un modo per controbilanciare l’immoralità del mondo, otterrete sempre più di quello che avevate messo in conto. La Chiesa non si limita a promuovere i valori tradizionali – avanza richieste rigide, soprattutto in campo sessuale, che alla persona media del XXI secolo sembrano troppo strane e difficili. E la Chiesa non ci esorta soltanto ad essere morali, comandandoci anche di amare incessantemente, il che, come ha sottolineato Dostoevskij, può essere “una cosa dura e terribile”. Vuole che siamo non solo buoni cittadini, ma santi.

5. Cattolicesimo

La quinta “C” per rimanere cattolici è il cattolicesimo stesso. I sacramenti, i santi, la liturgia, l’arte, la teologia, la filosofia, la storia – tutta la bellezza, la bontà e la verità ci attirano, ci nutrono e ci rimandano nel mondo per proclamare la Buona Novella, anche in quello che è senz’altro un periodo oscuro per la Chiesa.

E al centro del cattolicesimo c’è un’altra “C”: Cristo. La gloria di Cristo non è in funzione dei suoi membri fragili e caduti, ma del fatto che sono membri della gloria di Colui che l’ha voluta. La Chiesa, come dice San Paolo, è il Corpo Mistico di Cristo.

In conclusione

Le prime quattro “C” sono importanti e preziose, e possono essere anche strumenti potenti per le persone indecise sul cattolicesimo, ma di per sé – anche se considerate tutte insieme – non sono più sufficienti per far aderire una persona. La secolarizzazione della società, la crescente disaffezione e gli scandali che hanno coinvolto la Chiesa hanno alzato ampiamente la posta in gioco. Senza quella ragione più profonda e più forte per rimanere – la quinta “C” -, i cattolici quasi invariabilmente troveranno ragioni più convincenti per andarsene.

Le implicazioni sono chiare. Una famiglia o una parrocchia cattolica esclusivamente o fondamentalmente legata alla cultura, alla costruzione di una comunità, a offrire comfort o a guidare la condotta è destinata a non durare, mentre un cattolicesimo orientato verso l’unica cosa necessaria (Luca 10, 42) – i tesori del suo diritto di nascita e la persona di Cristo – resta più convincente che mai.

Ma questo non ci lascia in uno spazio astratto e spiritualizzato. Per parafrasare C.S. Lewis, i cattolici che mirano al cattolicesimo otterranno tutti gli altri aspetti della vita cattolica: una cultura vibrante che fiorisce intorno alla vita della Chiesa, una comunità vivace radicata nella sua verità, profonde consolazioni effuse dal Sacro Cuore di Gesù e la grazia di costruire la vita intorno al Fuoco del suo Amore. E forse li otterremo anche in modi emozionanti che non ci saremmo mai aspettati – quelle innovazioni cattoliche non intenzionali che modellano, piuttosto che semplicemente scimmiottare, il mondo che ci circonda.

La grande sfida della nostra epoca è rischiare di farlo.

  • 1
  • 2
Tags:
cattolicesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni