Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Come va letta l’opera di Maria Valtorta?

© MARIA-VALTORTA.ORG

Il Cattolico - pubblicato il 23/02/20

Innanzitutto, la Valtorta non può e non deve essere un'opera alternativa né alla Sacra Scrittura né al magistero della Chiesa

Si faccia molta attenzione – come criterio generale – quando ci si accosta a rivelazioni private.
Possono essere utili per migliorare la nostra adesione affettiva ed esperienziale alla fede ma quando notiamo eventuali discrepanze con la Sacra Scrittura e con il Magistero – che va altrettanto letto e assimilato – prendiamo le serene e dovute distanze. Soprattutto se tali rivelazioni private non hanno ancora ricevuto l’approvazione ecclesiastica.

La Valtorta non può e non deve essere un’opera alternativa né alla Sacra Scrittura né al magistero della Chiesa. Se lo diciamo con chiarezza è perché questo a volte accade. Con grande confusione delle anime. Anche ad opera di alcuni “battitori liberi”.

Accade talvolta, per tutta una serie di motivi di immaturità affettiva ed ecclesiale che le rivelazioni private prendono il posto della Sacra Scrittura, del Magistero e della Tradizione, che ha co-generato e interpreta correttamente la Sacra Scrittura. In tal modo quello che dovrebbe essere di edificazione e supporto, magari temporaneo, nel proprio cammino Cristiano, diventa una fonte alternativa che spacca e divide la persona dalla comunione ecclesiale effettiva.

La persona si costruisce, devozionalmente, un proprio vitello d’oro fatto ad immagine e somiglianza della propria emotività ferita. Un modo devozionale per dire Cristo sì e Chiesa no o tutt’al più Chiesa “forse”… Se le rivelazioni private non ci fanno maturare un perfetto ed adulto discepolato nei confronti di Cristo e della Chiesa significa che ci stanno danneggiando con il veleno della superbia.

Il nemico dell’uomo che non è entrato per la via dei peccati grossolani entra per la porta privilegiata della superbia spirituale. Porta aperta facendo leva sull’autostima ferita dal peccato originale; tentazione che ci fa sentire unici profeti, depositari di particolari verità, magari “perseguitati”, “illuminati” che attendono che la Chiesa faccia il suo cammino…queste e altre forme che non ci mettono nella condizione “mariana”, privilegiata e normativa, di essere sempre servi del Signore e della Sua Chiesa. Si diventa, pertanto, strutturati nella superbia pensando di fare bene. Ingannati. L’obbedienza alla Chiesa e nel magistero Petrino sia la discriminante sempre.

Il mondo lo salva Gesù e noi – per quanto possiamo ricevere rivelazioni particolari o leggere rivelazioni particolari – siamo un nulla amato da Dio.

Che sia un posto di privilegio o stare come una scopa dietro la porta dello sgabuzzino.. Ci basti stare al posto che Dio ha scelto, quello nel quale la provvidenza e la Chiesa ci hanno confermato. Obbedienza dunque. Né desideriamo di più.

Staff ZM

Materiale tratto dal sito www.cafarus.ch

valtorta

Dall’Osservatore Romano di mercoledì 6 gennaio 1960

UNA VITA DI GESÙ MALAMENTE ROMANZATA

In altra parte del nostro Giornale è riportato il Decreto del S. Offizio con cui viene messa all’Indice un’Opera in quattro volumi, di autore anonimo (almeno in questa stampa) edita all’Isola del Liri. Pur trattando esclusivamente di argomenti religiosi, detti volumi non hanno alcun “imprimatur”, come richiede il Can. 1385, 1 n.2 C.I.C. L’Editore, in cui una breve prefazione, scrive che l’Autore, “a somiglianza di Dante ci ha dato un’opera in cui, incorniciati da splendide descrizioni di tempi e di luoghi, si presentano innumerevoli personaggi i quali si rivolgono e ci rivolgono la loro dolce, o forte, o ammonitrice parola. Ne è risultata un’Opera umile ed imponente: l’omaggio letterario di un dolorante infermo al Grande Consolatore Gesú”. Invece, ad un attentato lettore questi volumi appaiono nient’altro che una lunga prolissa vita romanzata di Gesù. A parte la vanitá dell’accostamento a Dante e nonostante che illustri personalitá (la cui indubbia buona fede è stata sorpresa) abbiano dato il loro appoggio alla pubblicazione, il S. Offizio ha creduto necessario metterla nell’Indice dei Libri proibiti. I motivi sono facilmente individuabili da chi abbia la certosina pazienza di leggere le quasi quattromila pagine di fitta stampa.
Anzitutto il lettore viene colpito dalla lunghezza dei discorsi attribuiti a Gesù e alla Vergine SS.ma; dagli interminabili dialoghi tra i molteplici personaggi che popolano quelle pagine. I quattro Vangeli ci presentano Gesú umile, riservato; i suoi discorsi sono scarni, incisivi, ma della massima efficacia. Invece in questa specie di storia romanzata, Gesù è loquace al massimo, quasi reclamatistico, sempre pronto a proclamarsi Messia e Figlio di Dio e ad impartire lezioni di teologia con gli stessi termini che userebbe un professore dei nostri giorni. Nel racconto dei Vangeli noi ammiriamo l’umiltà ed il silenzio della Madre di Gesú; invece per l’autore (o l’autrice) di quest’opera la Vergine SS.ma ha la facondia di una moderna propagandista, è sempre presente dappertutto, è sempre pronta ad impartire lezioni di teologia mariana, aggiornatissima fino agli ultimissimi studi degli attuali specialisti in materia.

  • 1
  • 2
Tags:
maria valtorta

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni