Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Samuel Marie, il primo tetraplegico a toccare il suolo dell’Antartico

SAMUEL MARIE ANTARCTIQUE
© Les Coflocs
Samuel Marie, 32 anni, è arrivato sulla banchina a bordo di una nave accessibile a persone con ridotta mobilità. Qui con Lise Aulagnon, che partecipa pure alla sua avventura su strada “Sam fait rouler”.
Condividi

In seguito a un incidente sopraggiunto quando aveva 20 anni, Samuel Marie è diventato tetraplegico. Per il giovane, però, la vita non s’è fermata lì. La prova? Eccolo lì in Antartide!

Una sedia a rotelle sul ghiaccio? Una cosa inusitata… Eppure è quanto Samuel Marie è riuscito a fare, diventando il primo avventuriero tetraplegico ad aver toccato il suolo dell’Antartico. Ha solcato con le ruote il suolo del continente bianco, il meno accessibile al mondo, lo scorso 2 febbraio. Non è la prima volta che questo grenoblese 32enne, handicappato da quando era ventenne, si butta in simili imprese. Il giovane desidera far cambiare lo sguardo del mondo – e in particolare dei francesi – sull’handicap. E niente lo aiuta in questo come il suo personale auto-oltrepassarsi.

SAMUEL MARIE ANTARCTIQUE
© Les Coflocs

Dopo l’incidente, occorsogli sul lavoro (faceva il cordista), ha subito più di 30 operazioni, giungendo a recuperare in parte l’uso delle membra superiori: cosa già notevole per questo combattente abitato da un’incredibile voglia di vivere. Gagliardo dentro, nel 2017 ha lanciato l’avventura Sam Fait Rouler, e a bordo di una roulotte adattata alla bisogna ha effettuato due road trip consecutivi, percorrendo 75mila km attraverso 22 Paesi (dagli Stati Uniti alla Turchia, passando per la Cina e per il Canada). Il suo obiettivo? Risvegliare le coscienze e farsi promotore di “buone pratiche” scoperte nel corso delle sue peregrinazioni. Il suo Leitmotiv? Handicappato, reso fragile e minorato, posso comunque continuare ad avanzare. E il giovanotto che non ha paura del freddo l’ha mostrato: è possibile.

© Les Coflocs
Samuel Marie, 32 ans, est arrivé sur la banquise à bord d'un navire accessible aux personnes à mobilité réduite équipé d'une technologie verte innovante.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.