Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Burkina Faso: la fede incrollabile delle suore di fronte al terrore

Burkina Faso RELIGIOUS SISTERS
Aid to the Church in Need
Condividi

“Accogliamo ogni giorno i rifugiati, soprattutto donne i cui mariti sono stati assassinati – perché i terroristi uccidono soprattutto gli uomini –, ma anche bambini e anziani”

Anche se il Burkina Faso è sempre più flagellato dalla violenza terrorista, le Suore dell’Immacolata Concezione (SIC), una congregazione locale, restano saldamente accanto al proprio popolo.

Aiuto alla Chiesa che Soffre ha parlato con suor Pauline Sawagado, Superiora Generale della congregazione, e suor Marie-Bernadette Rouamba, che l’ha preceduta (nella foto).

Gli attacchi terroristici hanno sempre più come bersaglio il Burkina Faso. Siete state personalmente testimoni di qualche incidente?

Viviamo in un clima di insicurezza costante. In particolare, le nostre suore nelle comunità nel nord del Paese testimoniano ogni giorno gli scontri. A Bam, i terroristi sono arrivati ad appena tre chilometri dalla comunità.

Accogliamo ogni giorno i rifugiati, soprattutto donne i cui mariti sono stati assassinati – perché i terroristi uccidono soprattutto gli uomini –, ma anche bambini e anziani. Nel nord, le suore si prendono cura di 30-60 rifugiati ogni giorno.

Perfino a Ouagadougou, la capitale, ci prendiamo cura di più di 600 sfollati. Hanno bisogno di pane, acqua, un po’ di sapone e soprattutto un orecchio amico, un gesto di gentilezza, un segno che li faccia sentire amati, anche se solo per un giorno, dopo quello che hanno passato.

I terroristi prendono di mira un segmento particolare della popolazione?

Chiunque vedano – vengono uccisi i cattolici, gli animisti, i musulmani, i protestanti. Accogliamo tutti i rifugiati, siano essi cristiani, musulmani o animisti.

Siete preoccupate?

No, perché confidiamo nella provvidenza di Dio. Sappiamo che ogni giorno ci può accadere di tutto e che dobbiamo essere preparate ad affrontare qualsiasi situazione possibile. Siamo preoccupate per chiunque, vogliamo essere in grado di far fronte alle necessità di ogni individuo. Come leader della comunità, abbiamo tutte queste preoccupazioni.

Qui in Burkina Faso, chiunque soffre per questo clima di insicurezza – non solo le suore nel nord del Paese, ma anche le nostre sorelle in Mali.

Cosa dite alle consorelle in questi momenti difficili?

Diciamo loro di rimanere salde nella fede e nell’amore. Le incoraggiamo nella loro missione ovunque si trovino, e preghiamo molto ogni giorno, per la pace ma anche per la conversione dei terroristi.

Confidiamo nell’aiuto del Signore, perché siamo qui per Lui. Stiamo vivendo questo martirio nella fede.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni