Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Venezuela: una storia di riscatto personale

RUBEN ANTONIO JUAREZ MELENDEZ
Gentileza
Condividi

Una via crucis con un lieto fine, grazie al Nazareno de San Pablo

Si chiama Rubén Antonio Juárez Meléndez ed è il protagonista di una storia che potrebbe essere un thriller, ma che grazie a Dio – e non è un modo di dire – ha avuto un epilogo felice. Oggi lavora in un gruppo di giovani che riscattano persone che vivono in strada a Caracas, la capitale del Venezuela. Per arrivare lì, però, ha dovuto vivere un’autentica odissea. Per la prima volta l’ha raccontata ad Aleteia.

Come tanti in Venezuela, è stato talmente colpito dalla crisi che ha finito per vivere sotto uno dei ponti del fiume Guaire, che attraversa Caracas da est a ovest. Chi lo ha vissuto e può raccontarlo sa che è una delle esperienze più terribili che possa affrontare un essere umano. Significa l’indigenza più totale. Non è solo il fatto di non avere un tetto, ma anche di trovarsi di fronte a delinquenti, infezioni, rischi di cadute fatali nel fiume, freddo, fame e mille altre cose.

Uno scapestrato finito in prigione

“Prima ero uno scapestrato”, ha confessato. “Sono passato per droghe, furti e altri crimini minori. Per questo ho pagato con il carcere. Oggi, però, sono un’altra persona. E il processo non è stato facile, affatto”.

Una volta fuori dalla prigione, dove ha trascorso quattro lunghi anni, ha conosciuto una ragazza con cui si è sposato. Rubén lavorava come vigilante e lei era infermiera. Vivevano in un appartamento in affitto in una zona popolata e umile del settore occidentale della capitale, La Vega, dove Rubén è nato e cresciuto. Sua sorella era riuscita a tenersi la casa della madre di entrambi, defunta.

Per prima cosa Rubén è andato a Los Teques, a mezz’ora da Caracas, a cercare lavoro. In realtà ha trovato quello che non cercava, una donna, la prima, ma le cose non hanno funzionato. È tornato a La Vega, e lì ha poi conosciuto Alejandra.

La strada

Rubén ha affittato una stanza in un appartamento e lì ha conosciuto quella che sarebbe diventata sua moglie, che viveva nello stesso posto. Ha dovuto abbandonare il lavoro come vigilante, durato due mesi. Gli è stato detto che sua moglie era incinta e non potevano rimanere a vivere lì. “La padrona non ci ha neanche mandati via. Un giorno ha cambiato la serratura e siamo rimasti fuori. Lì è iniziato il nostro calvario per la strada”.

Non sapevano dove andare. I genitori di Rubén erano morti, la madre di Alejandra l’aveva abbandonata quando era piccola e il padre vive a due ore da Caracas ed è disoccupato.

In questa situazione hanno provato a vivere fuori a un noto ospedale lì vicino. Nessuno li conosceva. Non erano ancora molto sporchi, e quindi la gente non diceva niente. Lei continuava a lavorare in certi giorni come infermiera per prendersi cura di una signora anziana, “ma quando la pancia è aumentata e si è scoperta la gravidanza le hanno detto che non poteva continuare a lavorare visto che doveva alzare dei pesi per prendere la signora”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni