Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Il “miracolo” di un nonno e suo nipote sul Cammino di Santiago

SANTI Y SU ABUELO
Instagram | @santi_y_su_abuelo
Condividi

Sempre più persone seguono su Instagram le vicende di questi due camminatori, che nel 2016 hanno iniziato il loro pellegrinaggio verso Santiago de Compostela e sono diventati inseparabili

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Nel luglio 2016 è iniziata una splendida avventura che ha come protagonisti un bambino e suo nonno. Santi, un bimbo di 7 anni della Galizia (Spagna), aveva avuto un anno difficile e gli era stato diagnosticato un ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività). Si stava sottoponendo a un trattamento terapeutico, e il nonno Jaime ha proposto di portarlo in quelle vacanze estive a compiere il Cammino di Santiago.

Nonno e nipote, di 76 e 7 anni, si sono quindi messi in marcia. Da allora Santi e Jaime non hanno mai smesso di essere pellegrini del Cammino. Ogni volta che possono partono per strade diverse: hanno già iniziato il Cammino Portoghese e completato il Cammino Francese (da Saint-Jean-Pied-de-Port), e studiano altre possibilità.

Più di 1.200 chilometri insieme

I due spiegano le loro avventure sull’account di Instagram @santi_y_su_abuelo, e hanno già quasi 4.000 followers. La mamma di Santi si incarica di parlare ogni giorno con loro per telefono o videochiamata, riceve le loro foto e i video e scrive di loro sui post.

A poco a poco i due camminatori si sono trasformati, e Santi ha archiviato il suo disturbo. La terapia ha funzionato, e ora continuano a macinare chilometri, sempre verso Santiago. Ne hanno già percorsi più di 1.200 insieme.

In questo periodo abbiamo visto crescere Santi, che ormai sta entrando nella preadolescenza, e invecchiare il nonno, anche se non è molto evidente, perché con il Cammino di Santiago e insieme a Santi sembra in realtà ringiovanire.

L’apparizione dello scarafaggio lo ha fatto continuare

Alla prima esperienza, Santi è stato sul punto di rinunciare. Si stancava e si annoiava. Il nonno faceva di tutto per tener vivo il suo interesse, ma riconosce che non riscuoteva grande successo.

In quella situazione, Jaime ricorda che è stata provvidenziale una scoperta. “Santi aveva detto che avrebbe voluto vedere una vacaloura, uno scarafaggio gigante, il più grande d’Europa, ma non ne avevamo visto nessuno sulla strada”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni