Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Gennaio |
San Sebastiano
home iconChiesa
line break icon

8 modi concreti in cui le parrocchie possono sostenere i cristiani perseguitati

PALENSTINIAN CHRISTIANS

MAJDI FATHI | NurPhoto | AFP

Padre Patrick Briscoe - pubblicato il 07/01/20

Da un piccolo gesto che potete fare da soli a qualcosa che richiederà un po' di organizzazione, ecco come aiutare le nostre sorelle e i nostri fratelli bisognosi

Un rapporto del 2019 del Governo britannico sostiene che l’80% delle persone perseguitate per la propria religione nel mondo è composto da cristiani. In Medio Oriente e in Nord Africa, solo un secolo fa il 20% della popolazione era cristiano, mentre oggi lo è meno del 4%.

Mentre apriamo un nuovo anno e un nuovo decennio, faremmo bene a tenere a mente le sofferenze delle comunità cristiane nel modo. Ma cosa possiamo fare? Ecco qualche idea per le nostre comunità locali.

1 Pregare per la pace

La cosa migliore e la più importante espressione di solidarietà nei confronti dei cristiani perseguitati nel mondo è la preghiera. Come Papa Francesco ha affermato nella sua intenzione di preghiera per questo mese di gennaio, “in un mondo diviso e frammentato, voglio invitare alla riconciliazione e alla fratellanza tra tutti i credenti e anche tra tutte le persone di buona volontà. La nostra fede ci porta a diffondere i valori della pace, della convivenza, del bene comune. Preghiamo affinchè i cristiani, coloro che seguono le altre religioni e le persone di buona volontà promuovano insieme la pace e la giustizia nel mondo”.

Per promuovere la preghiera per la pace, le parrocchie possono realizzare delle immaginette o includere le preghiere nei bollettini. Ecco un modello realizzato dalla Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti.

2 Seguire le notizie internazionali relative ai cristiani

I siti cattolici di notizie come Aleteia.org lavorano sodo per riferire regolarmente la sofferenza delle comunità cristiane del mondo. Leggendo semplicemente le notizie ed essendo più informati sugli eventi mondiali, potrete diventare una fonte di informazione per familiari e amici. Condividere sui social media dei post sulla persecuzione dei cristiani è un ottimo modo per aumentare la consapevolezza nella vostra rete di conoscenze sulle problematiche che le nostre sorelle e i nostri fratelli in Cristo affrontano in tutto il mondo.

3 Donare del denaro

So che nessun pastore nel pieno delle sue facoltà mentali aspira ad avere più progetti che comportano una richiesta di denaro, ma le necessità delle comunità cristiane nel mondo sono notevoli. Potete promuovere molte iniziative per sostenere organizzazioni caritative che fanno cose straordinarie per aiutare i cristiani bisognosi.

I Cavalieri di Colombo hanno costruito un’incredibile rete attraverso il loro Christians at Risk per offrire cibo e assistenza medica. La Catholic Near East Welfare Association (CNEWA) promuove molti progetti per aiutare la Chiesa e offrire aiuti umanitari. Aiuto alla Chiesa che Soffre aiuta i cristiani in alcune delle zone più a rischio, e spesso il suo staff fornisce dei resoconti ad Aleteia. La St. Rafka Mission of Hope and Mercy annuncia i valori evangelici della compassione e della carità. Tutte queste organizzazioni caritative hanno bisogno di grande aiuto mentre i cristiani iniziano a ricostruirsi una vita in Paesi come l’Iraq dopo l’ISIS.

4 Promuovere le culture cristiane

Organizzatevi con le comunità cattoliche locali per ospitare eventi culturali. Molte comunità maronite, melchite e caldee promuovono splendide celebrazioni in onore dei loro santi patroni. Offritevi di contribuire alle feste ospitate da queste comunità o organizzate eventi simili nella vostra. La promozione delle tradizioni culturali (musica, cibo, danze, preghiera, santi patroni) è un modo fondamentale per preservare e condividere l’eredità delle comunità dei cristiani perseguitati.




Leggi anche:
Perché “libertà di fede” e “libertà religiosa” non sono davvero sinonimi

  • 1
  • 2
Tags:
cristiani perseguitatilibertà religiosaparrocchie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
6
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni