Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconChiesa
line break icon

Il Papa all’Angelus: come Giuseppe fidiamoci di Dio e della sua logica sorprendente

ANGELUS EPIPHANY

Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media

Vatican News - pubblicato il 22/12/19

Papa Francesco, prima dell’Angelus, commenta il Vangelo della quarta domenica d’Avvento e il ruolo di san Giuseppe nella storia della salvezza, custode e padre terreno di Gesù. La sua fede gli permette di accettare “una situazione umanamente imbarazzante” e “incomprensibile”, quella di Gesù che chiede “di essere accolto nei nostri progetti”

La fiducia incrollabile in Dio permetta a Giuseppe di accettare “una situazione umanamente imbarazzante” e anche “incomprensibile”: la sposa Maria che aspetta un figlio per opera di Dio. Il suo esempio ci aiuti a “recuperare la logica sorprendente di Dio” che è fatta di “apertura verso orizzonti nuovo, verso Cristo e la sua Parola”. Papa Francesco parla così, all’Angelus, della figura di san Giuseppe, protagonista del Vangelo della quarta e ultima domenica d’Avvento, nel cui atteggiamento, spiega “è racchiusa tutta la sapienza cristiana”.

Giuseppe, povero in spirito che “cerca di fare la volontà di Dio”

Lo sposo di Maria è, con Giovanni Battista e la stessa Maria, uno dei tre personaggi che la liturgia propone per il tempo di Avvento, ed è, ricorda il Papa, “il più modesto”. “Non predica, non parla, ma cerca di fare la volontà di Dio”, con lo stile del povero “in spirito”, perché “vive dell’essenziale”, come “coloro che sono consapevoli di dipendere in tutto da Dio e in Lui ripongono ogni loro fiducia”.

Per rispettarne la dignità, pensa di ripudiare Maria in segreto

Francesco sottolinea la situazione “umanamente imbarazzate e contrastante” che coinvolge Giuseppe e Maria: “Sono promessi sposi, non abitano ancora insieme, ma lei è in attesa di un bambino per opera di Dio”. Giuseppe, racconta il Pontefice, “di fronte a questa sorpresa, naturalmente resta turbato ma, invece di reagire in modo impulsivo e punitivo, cerca una soluzione” che rispetti la dignità della sua amata. Così, “per non accusarla pubblicamente”, recita il Vangelo di Matteo, “pensò di ripudiarla in segreto”. Giuseppe, uomo giusto, sottolinea Papa Francesco, infatti “sapeva bene che, se avesse denunciato la sua promessa sposa, l’avrebbe esposta a gravi conseguenze, addirittura alla morte”. Quindi, nonostante la sua piena fiducia in Maria, “che ha scelto come sua sposa”, “questa inspiegabile circostanza” lo induce a mettere in discussione il loro legame, e “con grande sofferenza”, decide di distaccarsi da Lei senza “scandalo”.

Ma l’Angelo del Signore interviene per dirgli che la soluzione da lui prospettata non è quella voluta da Dio. Anzi, il Signore gli apre una strada nuova di unione, di amore e di felicità.

L’ Angelo a Giuseppe: “non temere di prendere con te Maria”

“Giuseppe – gli dice l’Angelo – non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo”.

Giuseppe si fida totalmente di Dio, obbedisce alle parole dell’Angelo e prende con sé Maria. Proprio questa fiducia incrollabile in Dio gli ha permesso di accettare una situazione umanamente difficile e, in un certo senso, incomprensibile.

Giuseppe diventa il custode di Gesù e suo padre terreno

Giuseppe comprende, nella fede, “che il bambino generato nel grembo di Maria non è suo figlio, ma è il Figlio di Dio” e lui, Giuseppe, “ne sarà il custode assumendone pienamente la paternità terrena”.

L’esempio di questo uomo mite e saggio ci esorta ad alzare lo sguardo e spingerlo oltre. Si tratta di recuperare la logica sorprendente di Dio che, lontano da piccoli o grandi calcoli, è fatta di apertura verso orizzonti nuovi, verso Cristo e la sua Parola.

Accogliamo Gesù nei nostri progetti e scelte

Maria e Giuseppe, conclude il Papa, “ci aiutino a metterci in ascolto di Gesù che viene, e che chiede di essere accolto nei nostri progetti e nelle nostre scelte”.

Qui l’originale

Tags:
angeluspapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni