Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Regalate una preghiera al Papa per i suoi 52 anni di sacerdozio

PAPIEŻ FRANCISZEK PODCZAS MODLITWY

Instagram/EAST NEWS

Il Sismografo - pubblicato il 04/12/19

Sono trascorsi 52 anni e adesso quel giovane sacerdote è vescovo di Roma. Oggi, 13 Dicembre, Jorge Mario Bergoglio celebra l’anniversario della sua ordinazione sacerdotale.

di Luis Badilla

Jorge Mario Bergoglio (17 dicembre 1936), Papa Francesco, fu ordinato sacerdote il 13 dicembre 1969 dall’allora arcivescovo di Córdoba, mons. Ramón José Castellano. Aveva quasi 33 anni. Dopo il seminario diocesano (Villa Devoto) l’11 marzo 1958 era entrato nel noviziato della Compagnia di Gesù. Oggi, dunque, il Papa celebra 44 anni dal giorno della sua ordinazione presbiterale. Racconta la giornalista e scrittrice argentina Olga Wornat che Jorge Mario Bergoglio le disse una volta: “Ciò che mi piace di più è essere prete” e perciò “preferisco essere chiamato padre”. In questa semplice frase c’è tutto Papa Francesco e sarebbe buono non dimenticarlo mai anche perché il Papa eletto il 13 marzo scorso è e sarà sempre “Padre Bergoglio”.

Il gesuita argentino Guillermo Ortiz, Responsabile attuale dei Programmi in lingua spagnola della Radio Vaticana, conosce padre Bergoglio dal 1974. A lui, padre Ortiz chiese di poter entrare nella Compagnia di Gesù e con lui lavorò, gomito a gomito, undici anni. P. Ortiz ha conosciuto quindi da vicino Papa Francesco, padre Bergoglio, e perciò ricorda molto bene quanto fosse grande, tenace e severa la sua preoccupazione riguardo la migliore formazione possibile dei candidati al sacerdozio. “Il segreto di un buon sacerdote si nasconde nella sua buona formazione”, ricordava spesso l’allora Provinciale dei gesuiti. Per Jorge Mario Bergoglio, ricorda Guillermo Ortiz, il prete doveva avere sempre una specie di “marchio”: non rinchiudersi mai nelle sagrestie e dunque la sua vita doveva essere permeata “dalla preghiera” e “dalle persone”, “ascoltate sempre con molta attenzione e amore” (le famose pecore che impregnano con l’odore il pastore) Jorge Mario Bergoglio ha sempre amato profondamente la sua vocazione sacerdotale. Ha amato anche il dovere e la fatica della formazione dei nuovi sacerdoti e la cura del vescovo per i suoi presbiteri. Come Provinciale dei Gesuiti in Argentina (1973-1979), Jorge Mario Bergoglio dedicò molte energie ai candidati al sacerdocio e così fece come vescovo. Nella casa gesuita per i giovani candidati al sacerdozio riteneva suo dovere condividere con loro tutti i compiti e tutte le fatiche della comunità: fare il bucato, stendere i panni, dare da mangiare ai maiali, fare la spesa al mercato, lasciando ampio tempo alla preghiera, al silenzio, alla meditazione, alla lettura …

Non si capisce nulla di Papa Francesco se non si tiene conto di questo suo punto di partenza in ogni cosa: il sacerdozio. Basterebbe leggere alcune delle sue omelie in occasione della Messa Crismale (Magisterio sobre el sacerdocio – Nueve homilías durante la Misa Crismal /2004-2012)

Papa Francesco, Giovedì Santo (28 marzo 2013) nell’omelia della Messa Crismale ricordando “l’olio prezioso che unge il capo di Aronne” rileva che questo’olio “non si limita a profumare la sua persona, ma si sparge e raggiunge le periferie. Il Signore lo dirà chiaramente: la sua unzione è per i poveri, per i prigionieri, per i malati e per quelli che sono tristi e soli. L’unzione, cari fratelli, non è per profumare noi stessi e tanto meno perché la conserviamo in un’ampolla, perché l’olio diventerebbe rancido … e il cuore amaro”. Poi, Papa Francesco aggiunge:

Attenti a chi vuole saccheggiare la fede del popolo
“Il buon sacerdote si riconosce da come viene unto il suo popolo; questa è una prova chiara. Quando la nostra gente viene unta con olio di gioia lo si nota: per esempio, quando esce dalla Messa con il volto di chi ha ricevuto una buona notizia. La nostra gente gradisce il Vangelo predicato con l’unzione, gradisce quando il Vangelo che predichiamo giunge alla sua vita quotidiana, quando scende come l’olio di Aronne fino ai bordi della realtà, quando illumina le situazioni limite, “le periferie” dove il popolo fedele è più esposto all’invasione di quanti vogliono saccheggiare la sua fede. La gente ci ringrazia perché sente che abbiamo pregato con le realtà della sua vita di ogni giorno, le sue pene e le sue gioie, le sue angustie e le sue speranze. E quando sente che il profumo dell’Unto, di Cristo, giunge attraverso di noi, è incoraggiata ad affidarci tutto quello che desidera arrivi al Signore: “preghi per me, padre, perché ho questo problema”, “mi benedica, padre”, “preghi per me”, sono il segno che l’unzione è arrivata all’orlo del mantello, perché viene trasformata in supplica, supplica del Popolo di Dio. Quando siamo in questa relazione con Dio e con il suo Popolo e la grazia passa attraverso di noi, allora siamo sacerdoti, mediatori tra Dio e gli uomini. Ciò che intendo sottolineare è che dobbiamo ravvivare sempre la grazia e intuire in ogni richiesta, a volte inopportuna, a volte puramente materiale o addirittura banale – ma lo è solo apparentemente – il desiderio della nostra gente di essere unta con l’olio profumato, perché sa che noi lo abbiamo. Intuire e sentire, come sentì il Signore l’angoscia piena di speranza dell’emorroissa quando toccò il lembo del suo mantello. Questo momento di Gesù, in mezzo alla gente che lo circondava da tutti i lati, incarna tutta la bellezza di Aronne rivestito sacerdotalmente e con l’olio che scende sulle sue vesti. È una bellezza nascosta che risplende solo per quegli occhi pieni di fede della donna che soffriva perdite di sangue. Gli stessi discepoli – futuri sacerdoti – tuttavia non riescono a vedere, non comprendono: nella “periferia esistenziale” vedono solo la superficialità della moltitudine che si stringe da tutti i lati fino a soffocare Gesù (cfr Lc 8,42). Il Signore, al contrario, sente la forza dell’unzione divina che arriva ai bordi del suo mantello.

hozana_regalo_13.56.54.png
Tags:
anniversarioordinazione sacerdotalepapa francescopreghierasacerdozio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni