Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché Gesù è chiamato “Figlio di Davide”?

ENTRY TO Jerusalem
Condividi

La salvezza dell’umanità è stata preparata nella storia attraverso il popolo di Israele

Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a questa domanda inviata da una lettrice:

“Perché Gesù è chiamato Figlio di Davide”?

La domanda è di Soraia, di Mogi das Cruzes (SP). Soraia, penso che lei abbia letto la Bibbia o abbia partecipato a qualche celebrazione in cui Gesù viene presentato come Figlio di Davide. Promettendo il Messia, Dio ha affermato che avrebbe avuto un’origine regale e che sarebbe uscito dalla famiglia del re Davide.

Davide è stato un re santo di Israele, un re poeta che ci ha lasciato bellissimi salmi. Il Libro dei Salmi può essere usato come un libro di preghiera, perché ci sono salmi di supplica, di lode, gratitudine e pentimento.

Davide ha anche peccato molto, ma si è pentito, e Dio lo ha perdonato. Davide è vissuto tra il 1010 e il 970 a. C.. La Tradizione della Chiesa riconosce in lui un antenato di Cristo. Il nome Figlio di Davide dato a Gesù ci ricorda che Cristo è il salvatore promesso.

Sorella mia, Gesù è vero Dio e vero uomo. Come vero Dio, Egli è la seconda persona della Santissima Trinità, è il Figlio di Dio. Ma Gesù ha voluto anche essere Figlio dell’Uomo, ha voluto essere Dio con noi. Per questo, ponendo Gesù come Messia, il Signore della nostra vita, il Re dell’Universo, la Chiesa apre la Scrittura e identifica Gesù come della discendenza di Davide. È per questo che nella Settimana Santa, quando riviviamo l’ingresso trionfale di Gesù e Gerusalemme, cantiamo la Sua lode dicendo: “Osanna al Figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nell’alto dei cieli!”

La parola “messia” vuol dire “unto”. La speranza di un messia è sempre stata presente nel cuore di Israele, e questa speranza, a poco a poco, è stata riposta in un futuro discendente della famiglia reale di Davide.

E allora, sorella mia, è corretto dire che Gesù era della discendenza di Davide. In questo modo, possiamo capire meglio che la salvezza dell’umanità è stata preparata nella storia per mezzo del popolo di Israele.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni