Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il santuario che si è salvato per miracolo da un maremoto

Condividi

È anche noto come la “Lourdes d’Oriente”

Vailankanni, nota anche come la “Lourdes d’Oriente”, situata sulla costa del Golfo del Bengala, nella zona meridionale dell’India, deve gran parte della sua fama a Nostra Signora della Salute.

La città di Vailankanni, nello Stato indiano del Tamil Nadu, accoglie ogni anno migliaia di pellegrini che accorrono a venerare la Vergine. Come in altri santuari, la Madre di Dio riunisce i suoi figli in questa basilica, in cui si può partecipare alla liturgia e ai sacramenti in lingua inglese e hindi, oltre che in altre lingue locali, come tamil, marathi, malayalam, telugu y kannada.

Dal XVI secolo in questo luogo si è verificata una serie di miracoli e apparizioni mariane a varie persone. La prima apparizione ebbe come testimone un bambino indù che vide la Vergine mentre stava trasportando del latte. La Vergine gli apparve sul cammino e gli chiese un po’ di latte per il Figlio che teneva in braccio. Il bambino acconsentì, e quando gli venne chiesto il motivo del suo ritardo una volta giunto a destinazione raccontò quello che gli era successo. Guardando il latte, però, si accorse con stupore che non ne mancava. Il bimbo portò il suo padrone sul luogo dell’apparizione, e la Vergine apparve un’altra volta. Dopo vari anni, la Vergine Maria riapparve allo stesso modo, chiedendo latte a un bambino, e si ripeté lo stesso miracolo. Questa volta, il bambino, che era storpio, guarì dopo averla vista. In quell’occasione, la Vergine chiese che venisse costruita una cappella in suo onore, e così venne fatto. Presto la cappella è divenuta un luogo di venerazione di Maria sotto l’invocazione di Nostra Signora della Salute (“Arokia Matha”). La storia, però, non è finita lì. In questo luogo continuano a verificarsi dei miracoli. I due più noti sono avvenuti nel XVII secolo e nel 2004.

Leggi anche: Cosa fanno 15.000 soldati a Lourdes?

Nel XVII secolo, un’imbarcazione proveniente dal Portogallo naufragò vicino alle coste del Golfo. I marinai invocarono Maria, Stella dei Mari, e promisero di costruire un santuario in suo onore se fossero riusciti a toccare terra. La Vergine li salvò miracolosamente dal naufragio e riuscirono a giungere in porto. Una volta arrivati, i marinai si diressero subito alla cappella costruita in onore della Vergine di Vailankanni, e poi trasformarono il povero tempio in un santuario, che nel corso del tempo ha subìto rimaneggiamenti e migliorie fino a diventare un santuario maestoso, come si può vedere in questo video.

Il santuario di Nostra Signora di Vailankanni è stato elevato alla categoria di basilica da Papa Giovanni XXIII il 3 novembre 1962. Nel 2004 ha avuto luogo un grande maremoto, e la zona di Vailankanni è stata una di quelle maggiormente colpite. Quando le acque del mare sono entrate in città, quasi 2.000 pellegrini stavano celebrando la Messa all’interno del santuario. Miracolosamente, il santuario si è salvato dalle acque, anche se queste hanno devastato tutti gli altri edifici cittadini. Nostra Signora della Salute si mostra in questo modo come una Madre che si preoccupa di proteggere i suoi figli di Vailankanni, e per estensione quelli dell’India e del mondo intero.

Preghiera di consacrazione a Nostra Signora di Vailankanni

“Santissima Vergine Maria, Madre di Dio e Madre della Salute, oggi veniamo a te, pieni di fiducia nel tuo cuore materno. Oggi consacriamo le nostre azioni e i nostri sacrifici, tutto ciò che possediamo e che siamo. Regna su di noi, amatissima madre, nella prosperità e nell’avversità, nella gioia e nella tristezza, nella salute e nella malattia, nella vita e nella morte. Per te lodiamo la santa Chiesa cattolica. Proteggila contro tutti gli attacchi dei suoi nemici. Per te lodiamo la razza umana. Fa’ che gli uomini e le Nazioni possano comprendere e mettere in pratica i precetti del tuo Divin Figlio. Ama il tuo prossimo perché la pace sincera possa fondarsi profondamente sulla giustizia e sulla verità”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni