Aleteia
mercoledì 30 Settembre |
Santi Arcangeli
Chiesa

Quando è un santo a prepararti alla Prima Comunione

Public Domain

Larry Peterson | Fri Nov 01 2019

Alfonso Rodríguez fu canonizzato sulle orme di Pietro Favre e Ignazio di Loyola

Il frate aprì la grande porta di quercia, e davanti a lui c’era un uomo curvo e dall’aspetto scarmigliato che lo fissava. Era il 1571, e l’uomo era un mercante di stoffe di 37 anni che cercava di essere ammesso nell’ordine. Non voleva diventare sacerdote, ma solo essere ammesso come fratello laico. Il frate scosse la testa e stava per congedarlo quando l’uomo disse: “Pietro Favre era mio amico”.
Pietro Favre era probabilmente il migliore amico di Sant’Ignazio di Loyola, ed è considerato da molti il co-fondotore dei Gesuiti. Morì nel 1545 a 39 anni, ma il fatto che quell’uomo avesse detto di essere suo amico fece sì che il frate si fermasse e tenesse la porta aperta. Guardandolo gli chiese: “E come osate affermare di essere amico di Pietro Favre?” L’uomo si presentò come Alfonso Rodríguez, e spiegò che quando aveva circa 10 anni Pietro Favre era stato presso la sua famiglia mentre stava predicando una missione a Segovia. Disse anche che frate Pietro lo aveva preparato per la sua Prima Comunione. Gli venne permesso di entrare, e il frate portinaio chiamò un suo confratello perché andasse ad ascoltare la storia dell’uomo. Alfonso spiegò che aveva dovuto abbandonare la scuola a 12 anni, quando suo padre era morto all’improvviso e lui aveva dovuto far fronte alle necessità della madre e dei nove tra fratelli e sorelle. A 26 anni aveva poi sposato una donna di nome María Suárez. Avevano avuto tre figli, due dei quali morti prima di compiere cinque anni. Poi María era morta all’improvviso, e Alfonso si era ritrovato vedovo con un bambino da allevare. Anche quest’ultimo, però, era morto improvvisamente. Alfonso aveva ora 37 anni ed era fragile e consumato. Spiegò che non voleva risposarsi, ma solo trascorrere il resto della sua vita servendo Dio. Fortunatamente, le persone che attraversavano un momento difficile erano sempre accolte dai Gesuiti. Essendo stato formato dallo stesso Pietro Favre, venne accettato volentieri dai Gesuiti. Alfonso aveva un’istruzione minima, e quindi dovette studiare all’università di Barcellona. La sua salute era però molto delicata, e riuscì a studiare solo per un anno. Il 31 gennaio 1571 venne comunque accettato nel noviziato dei Gesuiti. Si diceva che il provinciale scherzasse dicendo che se non fosse riuscito a diventare sacerdote o fratello magari avrebbe potuto diventare santo. Venne mandato a Palma, dove svolse vari compiti presso il collegio gesuita di Montesino. Pronunciò i voti perpetui il 5 aprile 1573, a 41 anni. Nel 1579 divenne portinaio del collegio. Continuava a svolgere vari compiti, rispondeva alla porta e accoglieva i viaggiatori e gli ospiti, ed era sempre a disposizione per qualsiasi cosa. Quello al collegio gesuita è stato il suo primo e unico incarico come membro dei Gesuiti. Fr. Alfonso ha sofferto molto nella sua vita. Aveva perso la giovane moglie per malattia e i tre figli uno dopo l’altro, nonché il suo lavoro come mercante di lana. Era diventato un fratello gesuita laico e ha trascorso il resto della sua vita svolgendo i lavori più umili. Sconosciuto ai più, aveva sviluppato uno stretto rapporto con Dio, e gli era stato concesso il dono dello Spirito, che gli permetteva di influenzare profondamente chiunque parlasse con lui. Riuscì a far trovare la pace a innumerevoli persone, e la sua reputazione si diffuse ampiamente. Fr. Alfonso Rodríguez morì il 31 ottobre 1617 a 84 anni. È stato canonizzato da Papa Lone XIII nel settembre 1888. Sant’Alfonso Rodríguez, prega per noi!
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gesuitisant'ignazio di loyolasanto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
Gelsomino Del Guercio
Parla il sacerdote che ha vinto 35mila euro a...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Oleada Joven
Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tu...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni