Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Donna e uomo hanno interiorità diverse: le tensioni non sono sempre conflitti

TESTA A TESTA
Condividi

Quali sono le soluzioni per crisi di coppia? In questo post Marco Scarmagnani (formatore, consulente e mediatore familiare) spiega che certe incomprensioni non sono di per sè un conflitto, ma nascono dalla diversità dei mondi interiori dell’uomo e della donna.

Ciao Marco,
siamo una coppia di fidanzati e ci troviamo spesso ad affrontare un’incomprensione che – a quanto pare – è comune a tanti nostri amici.
In due parole è questo: la donna vorrebbe sapere un po’ di più del mondo interiore dell’uomo, e lui si nega.
Abbiamo letto che gli uomini sono meno a loro agio con le emozioni, però mi pare che ormai i tempi dovrebbero essere cambiati, in fondo si può anche evolvere!
Anche perché il risultato è che le donne vivono con apprensione perché pensano sempre che lui nasconda qualcosa, e lui si sente pressato.
Secondo te è giusto chiedere o è meglio il “vivi e lascia vivere”?

Paolo e Francesca via e-mail

 

Fermarsi sulla soglia della “caverna”?

Carissimi (o carissima, ci scommetterei che la lettera l’ha scritta lei),
John Gray nel suo bestseller “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”, parlava della “caverna” nella quale i mariti erano soliti ritirarsi quando avevano qualche pensiero e invitava le mogli a rispettare questa loro propensione, se non altro per il fatto che più un uomo viene sollecitato ad uscire, più a lungo si rintanerebbe.

Effettivamente è esperienza comune.

«Cos’hai?»

«Nulla»

«Ma no, vedo che c’è qualcosa che non va»

«No, assolutamente»

«Ma guarda che se me ne parli poi starai meglio»

È un cliché molto rodato, non c’è nemmeno bisogno di dire di chi sono le battute. Sono impossibili da invertire tra uomo e donna.
Di fatto lei chiede a lui, talvolta con aggressività, di mostrargli le sue emozioni e i suoi sentimenti, salvo poi rischiare di esserne profondamente turbata.

Perché?

In primo luogo perché le emozioni degli uomini non sono sempre rose e fiori. Spesso sono angoscia, rabbia, frustrazione, ansia. Pare che gli uomini siano programmati per nascondere le emozioni perché sanno che turberebbero la compagna.

pixabay

Considerate le emozioni da punti di vista diversi

Fin da giovani imparano che – esclusa la rabbia – mostrare le emozioni è cosa da deboli. Il secondo motivo è che non sono abituate a gestire la potenza delle emozioni che scaturisce da un uomo. Si trovano impreparate a situazioni emozionali che – se espresse da un’amica – gestirebbero con abilità.
Lo sostiene Daphne Rose Kingma, una terapista statunitense autrice del libro “L’altra faccia degli uomini”.
Gli uomini quindi non sarebbero taciturni della loro interiorità perché troppo freddi ma, al contrario, perché troppo incandescenti.

“Piano piano”, evitando ansia precipitosa e chiusura ermetica

Certo, abbiamo sempre sostenuto, la relazione tra i sessi serve anche per questo, perché le donne imparino a tollerare i temporanei spazi che si creano all’interno delle relazioni e gli uomini imparino piano piano ad aprirsi al mondo affascinante e sconosciuto dell’interiorità.
“Piano piano” è quindi il consiglio, evitando la chiusura ermetica così come l’ansia precipitosa di dire tutto e subito quello che magari non si è ancora digerito.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni