Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

La chiesa sotterranea nell’outback australiano costruita come rifugio contro il caldo

Coober Pedy Catholic Church
Condividi

La chiesa cattolica dei Santi Pietro e Paolo è stata scavata a mano nella città mineraria di Coober Pedy

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

A volte uscendo da una chiesa sembra di mettere piede tra le fiamme dell’inferno. È sicuramente il caso della chiesa cattolica dei Santi Pietro e Paolo situata nella città di Coober Pedy, nell’outback australiano.

A Coober Pedy, un piccola città mineraria nel cuore del deserto dell’Australia meridionale, le temperature possono infatti superare i 45 gradi.

Dalla fondazione della città nel 1915, dopo che vi erano stati scoperti i primi opali, gli abitanti hanno cercato sollievo dal caldo nello stesso luogo in cui cercavano i loro tesori – sottoterra. Il nome della città, del resto, deriva dai termini aborigeni kupa (uomo bianco) e piti (buco).

Molti dei 1.700 residenti della cittadina vivono in abitazioni sotterranee, e il sottosuolo è anche la sede dell’adorazione. La chiesa cattolica di Santi Pietro e Paolo, costruita nel 1967, è una delle cinque chiese sotterranee della città.

La piccola chiesa scavata a mano è a volte piena più di visitatori che di residenti, visto che la città è diventata una destinazione turistica secondo Lonely Planet, che descrive il visitatore tipico come una persona in cerca di un’esperienza unica:

“Con sciami di mosche, niente alberi, estati con 50 gradi, i locali che vivono sottoterra e relitti di macchine arrugginite si potrebbe pensare di essere arrivati in una landa post-apocalittica, ma è sicuramente interessante!”

Dopo una visita alla chiesa cattolica dei Santi Pietro e Paolo, chi visita Coober Pedy può anche tentare la fortuna cercando opali in una delle aree pubbliche di scavo della città.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni