Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La guarigione del gesuita muto dopo l’apparizione di San Luigi Gonzaga

Condividi

Lo stesso santo avrebbe salvato dalla morte certa anche un novizio a Roma

Nel 1635, Luigi Spinelli (1613-1666), originario di Piazza Armerina (Enna), e appartenente al Collegio cardinalizio di Palermo, soffriva di completa impossibilità di parlare e di paralisi a tutte le membra.

Spinelli aveva una devozione particolare per un santo gesuita: San Luigi Gonzaga. In alcune apparizioni successive – che furono portate anche all’attenzione del processo di canonizzazione del santo – San Luigi gli prospettò la possibilità di parlare e quindi l’uso delle membra: le condizioni però erano piuttosto dure. Spinelli doveva fare i Grandi Esercizi di S. Ignazio, pregare ogni giorno un quarto d’ora in più, e la domenica mezz’ora, e digiunare la vigilia della festa di S. Luigi.

ALOYSIUS GONZAGA
Public Domain

Muto per tutta la vita

Gli disse che avrebbe dovuto restar muto per tutta la vita, ma Dio, per render noti a tutto il mondo i propri meriti, gli aveva concesso di guarirlo; doveva quindi usare la lingua ad onore di Dio e tendere alla perfezione con maggior fervore di quanto avesse fatto fino allora. Dio esigeva da lui qualcosa di grande, ma doveva star di buon animo perché egli l’avrebbe diretto ed assistito.

Assieme a S. Luigi, gli era apparso anche San Giovanni Berchmans. Spinelli, negli anni a seguire, andò come missionario gesuita nelle Filippine.

Leggi anche: L’apparizione di San Michele Arcangelo sul monte Tomba

 

La guarigione del novizio

Notevolissima, per molte circostanze, è anche la guarigione del novizio Niccolò Celestine di Roma, che nel 1753, in seguito ad uno stato patologico molto complesso, era sull’ “orlo della fossa”. San Luigi gli apparve come è rappresentato nel quadro dell’altare della chiesa di Sant’Ignazio a Roma, ma celestialmente bello, glorioso e risplendente. Chiese al malato cosa volesse, “la salute o la morte”.

Quando il malato rispose che, poiché era tanto devoto alla volontà di Dio, voleva vivere, San Luigi pose una condizione: doveva tendere tutte le sue forze alla perfezione, diffondere la devozione al divino Cuore di Gesù, che Dio tanto gradiva, e pregare particolarmente nelle domeniche di S. Luigi.

Leggi anche: I consigli di San Luigi Gonzaga per onorare gli angeli

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.