Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da dirigente di un’impresa petrolifera a monaco di Montserrat: “Ora sono felice”

MONTSERRAT,SPAIN
Lakov Filimonov | Shutterstock
Condividi

David Valls conduceva una vita di “ricchezza e lusso”, ma che lo ha portato a una crisi di valori. In un ritiro ha scoperto cosa Dio aveva in serbo per lui

La comunità di monaci benedettini di Montserrat non vedeva da quattro anni l’ingresso di un nuovo religioso, e la gioia nel monastero è stata ancora più grande considerando quanto fosse singolare il candidato. Si tratta di David Valls, di 57 anni, che si è lasciato alle spalle una vita come dirigente di due multinazionali, una delle quali nel settore petrolifero.

“Ora sono felice”

“Ero ricco e conducevo una vita di lusso, ma non ero felice”, ha spiegato Valls, che ha deciso di distaccarsi da tutta la sua fortuna per compiere un passo decisivo e ora vive pregando e abbracciando celibato, obbedienza e povertà secondo la regola di San Benedetto.

“Ora sono felice”, dichiara. “Il denaro e il potere mi lasciavano sempre più insoddisfatto finché non hanno provocato in me una crisi. Ma non era la crisi di mezza età. Era una crisi di valori”.

Nel momento più critico, “una persona che mi voleva bene mi ha detto che forse era il momento di fermarmi, e ho deciso di andare a Montserrat e fare un ritiro”. Lì Dio gli ha fatto vedere il suo cammino: “Non è stata una questione dal giorno alla notte, ma un processo”.

“Ero un dirigente aggressivo”

David Valls Gonzálvez è nato in una famiglia cattolica nel quartiere di Sants-La Bordeta, a Barcellona, e ha ricevuto una formazione nella fede, ma a poco a poco se ne è allontanato.

“Ho avuto varie partner, e con una di loro sono stato sposato civilmente per cinque anni, ma non ho mai voluto avere figli. Ero un egoista, anche se mi ingannavo dicendo che in quel modo ero sincero con loro. Ero un dirigente aggressivo e mi piaceva il denaro. Conducevo una vita di lusso”.

Oggi non si sente orgoglioso della sua vita passata: “Quando vedi che le persone che ti circondano non sono felici e che magari hai provocato loro un danno, non c’è alternativa al fermarsi”, afferma.

Il processo di conversione e vocazione religiosa ha fatto sì che Valls rinunciasse al suo lavoro a Madrid e si trasferisse nel monastero di Montserrat per essere prima postulante e poi novizio. Sono stati 10 anni di purificazione, preghiera e conferma della sua decisione.

Questa domenica, solennità di Pentecoste, ha preso i voti nella Messa conventuale, e da questo momento si chiamerà Pau (Paolo). Il suo impegno è quello di vivere come monaco fino alla morte, e “questo mi basta e mi rende molto felice”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.