Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Volete pace, presenza di Dio e santità? Ecco una rapida soluzione!

Syda Productions
Condividi

L'essenza del nostro abbandono alla divina Provvidenza riguarda il fatto di comprendere l'unica opportunità che abbiamo di rispondere a Dio

Il periodo pasquale ricorda i 40 giorni che il Signore Gesù ha trascorso con gli apostoli dopo la sua Resurrezione e i nove giorni di attesa in preghiera della venuta dello Spirito Santo.

Il Signore è risorto, e questo significa qualcosa per noi e per la nostra vita quotidiana.

La fede nella Resurrezione ci sfida a vedere l’azione della divina Provvidenza qui e ora. La Resurrezione ribadisce che tutte le cose devono la propria natura, realtà e forza alla volontà di Dio. Questa verità profonda è al cuore dell’insegnamento biblico sulla divina Provvidenza. Dio ha cura della creazione, e ha anche un amore unico e intimo per l’umanità, perla della creazione stessa.

Capendo questo amore, manifestato nel Cristo risorto, siamo invitati ogni giorno a capire come Dio disponga splendidamente ogni cosa perché veniamo curati e ci vengano offerti tutti i mezzi necessari a vivere come ha vissuto il Signore Gesù, arrendendoci alla divina Provvidenza – ovunque ci porti, anche in mezzo alla sofferenza – per seguire generosamente la via più sublime dell’amore.

Il momento presente, quindi, è la migliore opportunità per crescere nella nostra comprensione della bontà e della cura di Dio nei nostri confronti. È questa l’essenza del nostro abbandono alla Provvidenza divina.

L’abbandono, per quanto questo termine possa terrorizzare la maggior parte di noi, è un atto di fede nella cura paterna di Dio nei nostri confronti, e per questo siamo chiamati a stare proprio qui e proprio ora.

Il momento presente, elevato dalla grazia e dalla gloria della Resurrezione, ci offre costantemente dei barlumi di eternità e ce la indica. Questo momento è quindi quello in cui ci vuole Dio, in cui cerca di incontrarci, ed egli ha mosso cielo e terra perché ci trovassimo in questo preciso istante e in questo luogo specifico con Lui.

Non importa quali idee riempiono la nostra mente o cosa prova il nostro corpo, se la nostra mente è distratta e preoccupata o il nostro corpo soffre e muore. La volontà di Dio è sempre nel momento presente, ed è la vera vita del corpo e dell’anima, indipendentemente dalle condizioni in cui si trovano. Siamo sostenuti – corpo e anima – dal nostro abbandono e dalla nostra fiducia nella volontà di Dio.

La fede presenta i doveri della nostra vita in modo positivo e santificante. Per quanto mondani possano sembrare a volte, i doveri e gli impegni quotidiani sono i mezzi ordinari per raggiungere la santità.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.