Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne

READING ON THE RIVER
Condividi

Cinque titoli che parlano dell’unica eterna giovinezza davvero possibile

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Questa volta non c’è scampo: tutti i libri parlano della stessa cosa, la giovinezza.

Adolescenti da educare nella giungla contemporanea; un cammino di fede fattosi zoppicante da rivitalizzare; giovani campioni già arrivati alla meta del Cielo grazie ad una odiosa leucemia; pericoli delle nuove tecnologie dai quali difendere noi stessi e soprattutto i nostri figli. Questi i temi di 4 dei 5 libri proposti. Ma c’è una notizia, nel quinto di questi libri, che le sbaraglia tutte: le rivede, le trasforma ed è in grado di riogranizzare ogni nostra battaglia: Cristo vive!
L’esortazione apostolica post sinodale scritta dal Santo Padre per i giovani e per tutti noi è la risposta. Eternamente viva, altroché energie rinnovabili, la presenza di Cristo nella storia è la sola questione con la quale valga la pena, in fondo, misurarsi. Ed è la Notizia in relazione alla quale ogni inezia diventa interessante.

Forever young degli Alphaville (gruppo new wave synth pop tedesco!) era la canzone che spesso alla fine delle feste di noi universitari di Comunione e Liberazione si cantava e si ballava tutti insieme. Ora che il CLU è finito da un pezzo ve lo posso confessare: non mi è mai piaciuta! E anziché corroborare il senso di forza e novità che la giovinezza ha in sé, per via dei suoni, del mood del pezzo, dello stile irrimediabilmente anni ’80, otteneva l’effetto di gravarmi di un senso di tristezza e desolazione. (Ora che ho guardato il video e capito un po’ il testo direi che la mia sensazione era coerente. Uno slancio disperato, un desiderio di bellezza minacciato dal disastro atomico…)

Ma quello che invece ci dicevamo e che anche con quella canzone volevamo fissarci meglio nel cuore era bellissimo e vero. Vogliamo essere per sempre, e per davvero, giovani. Giovani come Cristo e la Sua vita sono. Ecco perché come giovani cattolici universitari avevamo tutto il diritto di fare nostre quelle parole. Ricordiamoci di riaccenderle nei cuori dei giovani che ci sono affidati oggi, dove e come possiamo.

Buona lettura!

 

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni