Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi perseguita i cristiani dello Sri Lanka?

Condividi

Il massacro che ha colpito le chiese cristiane arrivano a 10 anni dalla guerra civile conclusasi con la sconfitta dei separatisti tamil

Le stragi nello Sri Lanka non hanno ancora una matrice chiara e il governo non si sbilancia sui possibili autori. L’ex colonia britannica di Ceylon è reduce da una lunga stagione di guerriglia interna che si è conclusa nel 2009 con la sconfitta del movimento separatista Tamil, le Tigri del Tamil Eelam. Il conflitto, durato 30 anni e costato la vita a oltre 100 mila civili e a 50.000 combattenti, ha lasciato strascichi nella società e il mese prossimo ricorre il decimo anniversario degli accordi di pace in un clima di malcontento verso il governo di unita’ nazionale varato nel 2015.

A gennaio, tra l’altro, i Tamil avevano denunciato la decisione del presidente Maithripala Sirisena di promuovere alla guida dell’esercito un generale accusato dall’Onu di crimini di guerra contro i separatisti. Gli obiettivi di questa ondata di attacchi hanno fatto pensare però a una possibile matrice religiosa e islamica piuttosto che etnica (i Tamil sono divisi tra induisti, buddisti, cristiani e musulmani).

I musulmani sono solo il 12% nell’isola a maggioranza buddista, ma la minoranza cristiana (meno dell’8%) è finita spesso nel mirino di attacchi e discriminazioni. Nel 2018 si sono contati 86 episodi e altri 26 nei primi mesi di quest’anno, tra cui l’irruzione di un monaco buddista durante una messa. I cattolici, circa il 6%, della popolazione, sono visti come una forza unificatrice perché hanno fedeli sia tra la maggioranza etnica cingalese che tra i Tamil.

Un gruppo radicale musulmano che si è distinto negli ultimi tempi è il National Thowheeth Jamaath (Ntj) che lo scorso anno aveva danneggiato statue buddiste nell’isola. La polizia ha fatto sapere che aveva ricevuto l’allarme di servizi segreti stranieri secondo cui questo gruppo preparava un’ondata di attentati contro le chiese e la sede diplomatica dell’India.

Nel Paese, comunque, le tensioni religiose recentemente hanno riguardato tutti i gruppi: i cristiani denunciano le intimidazioni dei monaci buddisti estremisti; i buddisti cingalesi hanno avuto scontri con i musulmani e hanno denunciato conversioni forzate all’Islam.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.