Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Papa, in ginocchio, implora la pace dai leader del Sud Sudan e bacia loro i piedi (VIDEO)

Papa Francesco si inginocchia e bacia i piedi ad ognuno dei leader presenti
Condividi

Il forte gesto di Francesco a conclusione del ritiro spirituale in Vaticano. Il Paese africano è dilaniato dalla guerra civile che ha fatto almeno 400mila morti

«Vi chiedo come fratello: rimanete nella pace. Lo chiedo con il cuore, andiamo avanti, ci saranno tanti problemi ma non spaventatevi. Risolvete i problemi. Avviate un processo che finisca bene. Ci saranno lotte tra voi, ma che queste rimangano dentro l’ufficio, davanti al popolo le mani unite. Così da semplici cittadini diventerete padri della nazione. Permettetemi di chiederlo con il cuore con i miei sentimenti più profondi».

La richiesta di pace di Papa Francesco ai leader politici del Sud Sudan, in ginocchio, è arrivata al termine dei due giorni di ritiro spirituale in Vaticano, a cui gli stessi hanno partecipato.

Grazia e preghiera

Un «tempo di grazia» dedicato alla riflessione e alla preghiera, per chiedere a Dio «un futuro di pace e prosperità per la gente del Sud Sudan». Il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, aveva presentato così il ritiro spirituale che si è svolto nella Casa Santa Marta. Un tentativo diplomatico estremo per avviare un confronto tra le massime autorità civili ed ecclesiastiche del giovane Paese africano, tra i più poveri al mondo, oltre che dilaniato da una violenta guerra civile (Vatican Insider, 11 aprile).

“Spirituale, ecumenica, diplomatica”

Questa due giorni in Vaticano, ha ricordato Parolin il 10 aprile, in occasione dell’inaugurazione dell’evento, è stata approvata da Papa Francesco su proposta presentata dall’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Justin Welby, che l’ha pensata come iniziativa «spirituale, ecumenica e diplomatica».

“Opportunità di incontro e riconciliazione”

Si tratta, ha messo in luce il cardinale, di una «opportunità» di incontro e riconciliazione nello spirito «del rispetto e della fiducia» per coloro che «in questo momento hanno la missione e la responsabilità speciali di lavorare per lo sviluppo» del Sud Sudan, precipitato nel 2013 nella sanguinosa guerra civile, che ha causato almeno 400 mila morti.

Il discorso del Papa

Oggi pomeriggio l’evento si è concluso con il discorso del Papa ai leader del Sud Sudan e il gesto di implorare la pace, inginocchiandosi di fronte a loro.

In seguito, ai partecipanti è stata consegnata una Bibbia firmata dal Papa, dall’arcivescovo di Canterbury e dal reverendo John Chalmers, già moderatore della Chiesa presbiteriana di Scozia, con il messaggio «Ricerca ciò che unisce. Supera ciò che divide» (Il Messaggero, 10 aprile).

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.