Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In Canada 9.000 chiese chiuderanno per mancanza di fedeli

GIRL CANADA FLAG
By Mike Morash | Shutterstock
Condividi

Oltre al problema della perdita di luoghi sacri e di vincoli comunitari e spirituali fondamentali, il fenomeno preoccupa anche chi ha a cuore i siti storici

Fino a qualche decennio fa, il Canada era un Paese religioso. La rapida secolarizzazione e il conseguente calo del numero di fedeli che frequentano le chiese hanno però portato a uno scenario in cui si prevede la chiusura di un terzo dei luoghi di culto nei prossimi dieci anni.

In parallelo, il Governo del Primo Ministro Justin Trudeau, del Partito Liberale, ha promosso dal 2015 l’imposizione di ideologie come quella di genere e la progressiva criminalizzazione della difesa della famiglia tradizionale come delitto di opinione.

L’organizzazione National Trust for Canada, che preserva e rinnova i luoghi storici, stima che entro il 2030 circa 9.000 chiese verranno chiuse nel Paese per via della scarsa frequentazione da parte dei fedeli e degli alti costi di manutenzione delle chiese più antiche.

“È probabile che alcuni edifici vengano venduti, mentre altri verranno semplicemente demoliti”, ha affermato Robert Pajot, presidente dell’organizzazione. “Molti sono preoccupati per la perdita di luoghi sacri, ma ci sono anche molte persone preoccupate per la perdita di edifici storici. Non sono solo edifici, e l’impatto va al di là della perdita di un patrimonio comunitario. Ci si rende conto che nelle città e nei paesi interessati si sta verificando una perdita più profonda. In particolare, si perderà il senso comunitario emerso nel corso del tempo e promosso nelle chiese”.

I luoghi di fede hanno infatti alimentato la vita comunitaria per generazioni, oltre a forgiare legami di convivenza. In molti posti le chiese sono dei luoghi di incontro, in cui si svolgono riunioni, matrimoni e funerali e viene offerta un’ampia gamma di servizi alla popolazione. Con la loro chiusura, questi legami tendono a dissolversi.

“Per molti è un momento triste, ed è difficile da affrontare per le comunità che usavano quei luoghi come centri comunitari. Altri vedono in questo cambiamento un’opportunità per lasciarsi alle spalle il passato e recuperare aree ed edifici che potrebbero essere usati in modo ‘più efficace’ per aiutare a servire le comunità”.

Alcune chiese hanno tentato di “modernizzarsi”, condividendo i propri spazi con altri gruppi nel tentativo di restare aperte, ma questo ha suscitato controversie, visto che in questo modo possono diventare luoghi “meno sacri” per il fatto di ospitare anche eventi non religiosi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.