Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

6 idee per convivere con una persona depressa

COLORING
Shutterstock
Condividi

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Convivere con una persone depressa non è facile. Si devono mettere in moto i cinque sensi e cercare le risorse per rendere più gradevole la vita in famiglia.

Distingueremo in primo luogo tra le persone che soffrono di una depressione endogena e quelle che soffrono di depressione esogena.

La prima persiste nel tempo, è qualcosa che la persona si porterà dietro tutta la vita, e bisogna pensare che ciò che si farà sarà migliorare la sua qualità di vita e le condizioni dell’ambiente in cui si muove, ma non si curerà.

La seconda, invece, viene data da cause esterne ed è temporanea. Una disgrazia familiare o un problema molto grande può essere la causa scatenante della depressione. In genere questo tipo di depressione scompare quando scompare la causa che lo giustificava. Ad esempio, le angosce e le preoccupazioni derivanti da una situazione familiare negativa possono alleviarsi quando qualcuno trova lavoro e può tornare a sostenere economicamente la famiglia.

Entrambi i casi richiedono un’assistenza farmacologica, ma a questa si potranno aggiungere elementi di aiuto in famiglia e in casa. Ecco qualche esempio pratico di come convivere con una persona depressa (e per quanto possibile contribuire al suo miglioramento).

Vorremmo proporvi 6 idee pratiche con cui potrete fare del bene alla persona che ne ha bisogno:

Date colore alla sua vita

Si tratta di un dettaglio materiale ma efficace. Fin dal Rinascimento si sa che il colore ha effetti terapeutici. Per questo bisogna tener conto di quali colori circondano la persona depressa. Non ci aiuteranno né il nero né il grigio, mentre dipingere le pareti della sua stanza di un colore vivo (o di tutti) creerà un ambiente allegro.

Possibilità: le tonalità sul giallo, quelle verdi che ricordano la natura, il blu che invita a respirare e dà senso di ampiezza.

Cercate di far sì che la persona si vesta con colori accesi. Bisogna ovviamente rispettare i gusti di ciascuno, ma basterà un dettaglio per cambiare aspetto.

Iniziate la giornata con notizie positive

Alle persone depresse costa alzarsi presto o all’ora prevista. Se poi la prima cosa che sentono è un rimprovero perché non si sono alzate si abbattono ancor di più. È meglio avvicinarsi a loro con una motivazione allegra: “Vedrai che bellissimo sole c’è oggi!”, “Hanno detto in televisione che questo fine settimana il tempo sarà bello”.

È meglio mordersi la lingua se si aveva intenzione di parlare di cose tristi, disastri naturali o incidenti con morti. Se è possibile, evitate qualsiasi nome collegato alla depressione.

A una persona depressa non conviene parlare di morte, men che meno se violenta, e quindi controllate i telegiornali che vedete, evitando il sensazionalismo. Lo stesso vale per i giornali da leggere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni