Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne

woman, book,
Condividi

I libri ci attraggono anche per il loro profumo: questione di chimica! Se vi volete veramente inebriare non trascurate i vecchi volumi, e intanto scoprite quelli nuovi che vi consigliamo oggi!

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Festeggiare l’8 marzo regalando un libro? una bellissima idea! Anche i libri come le mimose hanno un profumo! Non vi è mai capitato di entrare in biblioteca e percepire immediatamente un odore unico? O anche sfogliando un libro o una rivista antica!

Quante volte presi dalla lettura di un bel romanzo annusiamo le pagine? O anche prima di comprare un libro sentiamo, furtivamente, che odore ha?

Questione di chimica!

woman, smell, book
Shutterstock

Lo scienziato inglese Andy Brunning ha studiato questo fenomeno analizzandone i processi (dilei.it). La prima distinzione da cui è partito è quella tra testi nuovi e vecchi.

Pro e contro dei libri vecchi e nuovi: questione di naso!

Nel primo caso è difficile individuare i composti specifici perché ne sono presenti in centinaia, e ciò rende complessa l’attribuzione a  singoli gruppi di sostanze.
Secondo lo scienziato, è probabile che ciò che proviamo sfogliando un volume nuovo di stampa sia da ricollegare a tre elementi principali: il primo è la carta stessa, intrisa di sostanze chimiche che vengono usate nella filiera di fabbricazione. In più ci sono gli inchiostri impiegati nella stampa e gli adesivi, indispensabili per rilegare i libri.

Per quanto riguarda i libri vecchi invece, l’elemento fondamentale da prendere in considerazione è il naturale processo di deterioramento che subiscono cellulosa e lignina, contenuti nella carta, che viene evidenziato dal suo progressivo ingiallimento. Inoltre è proprio da questo processo che scaturisce il tipico odore così attraente che ci spinge addirittura ad annusare ciò che stiamo leggendo.

I libri pubblicati attualmente utilizzano una carta di qualità ben superiore a quella di una volta, e ciò comporta una migliore conservazione delle pagine ma al tempo stesso, poiché esse si degradano di meno, il loro profumo scompare o quasi.

Per i patiti della chimica!

Lo studio analitico ha permesso di individuare queste sostanze presenti nei vecchi libri:

Vaniglia; Benzaldeide (simile al profumo emanato dalle mandorle); Odori dolci emanati dall’etilbenzene; Odori dolci emanati dall’etilesanolo; Odore di fiori.

Se siete imperterrite “sniffatrici” l’unico consiglio che possiamo darvi è di frequentare i mercatini di libri usati, dove avrete la possibilità di rifornirvi di essenze oggi in via di estinzione!

E ora scoprire i 5 titoli che vi consigliamo questa settimana scorrendo la galleria fotografica 🙂

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.