Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Superficialità vs perseveranza: per chi faccio le cose?

ragazza guarda lontano

Nako Photography | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 04/03/19

Faccio le cose senza dare tutto il mio tempo, la mia attenzione, la mia preoccupazione. Come sforzarmi in modo fermo e irremovibile?

Spesso mi chiedo per chi faccio le cose. Le faccio per me stesso? La Bibbia dice: “Rimanete saldi e irremovibili, prodigandovi sempre nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore”.

Il mondo mi esorta a non lavorare tanto. Ad aspettare con ansia l’arrivo del fine settimana. A cercare la pace e la tranquillità anziché fretta e rumore. Mi esorta a lasciare che altri facciano le cose per me. E a non perdere tempo nelle cose superflue.

Oggi sento che devo affaticarmi per il Signore. Lavorare per il suo regno.

Giudico chi non si rilassa e vive investendo il suo tempo in mille lavori. Dico che è esagerato e che non lascia tempo per le persone care.

Guardo altri e vedo che cercano con tutte le forze il riposo e non si sforzano di far bene le cose. Dico che sono dei pressappochisti. Che vogliono un premio sproporzionato. Desiderano solo il denaro che ricevono e lavorare il meno possibile.

È questo l’ideale? Dov’è la via di mezzo?

Adamo ha mangiato dell’albero di cui non doveva mangiare e ha dovuto abbandonare il paradiso. E come conseguenza sono arrivati la fatica, il sudore, lo sforzo. Come un castigo.

Ci sono persone che rifuggono dallo sforzo. Meno devono fare, meglio è. Non succede forse anche a me di lasciarmi trascinare dalla corrente della pigrizia?

Una fatica senza riserve. Per il Signore. Per il suo regno. Sudare per Lui, stancarmi per Lui.

A volte non voglio sporcarmi. Rifuggo i lavori poco importanti. Credo che non mi spettino. Li svolga un altro. Sono meno dignitosi. Desidero fare le cose che si vedono. Quello che importa e spicca davvero.

“Fratelli miei carissimi, rimanete saldi e irremovibili”. Dio vuole che mi sforzi in modo saldo e irremovibile.

Mi lamento dell’incostanza. Faccio le cose senza dare tutto il mio tempo, la mia attenzione, la mia preoccupazione. Vorrei essere più generoso e costante nell’amore.

La pigrizia, l’accidia, l’incostanza. Cambio continuamente attività. Non mi soffermo su quello che faccio. Mi manca profondità? Può essere.

  • 1
  • 2
Tags:
perseveranza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni