Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come si può vivere la castità al giorno d’oggi?

COUPLE
Maridav - Shutterstock
Condividi

La fedeltà e l’amore sono le vie per una vita di castità

Com’è possibile essere casti al giorno d’oggi? Quali sono i mezzi che Nostro Signore ci ha lasciato perché potessimo avere una vita ordinata nella sessualità?

Il matrimonio è stato creato nel paradiso terrestre, dove la vita fisica era vissuta a un grado spirituale molto superiore rispetto a quello di oggi, perché Adamo ha visto Dio faccia a faccia. Sentiva la mancanza di una compagna. Dio l’ha creata e li ha uniti in matrimonio.

Bruno Marques / cancaonova.com

Anche dopo la caduta c’era il matrimonio, che è di diritto naturale e che non esigeva la cerimonia religiosa, sociale, civica… Qualunque accordo valeva. Se un uomo arrivava da una donna dicendo che l’amava, che le sarebbe rimasto fedele fino alla morte, e voleva formare una famiglia con lei, si contraeva il matrimonio. Col tempo si è arrivati a esigere la cerimonia pubblica, per via della debolezza umana, che non rimaneva fedele agli impegni presi. Le persone percepivano così qualcosa di sacro.

Il problema è che quel matrimonio, senza l’interferenza di Gesù, impediva lo sviluppo spirituale. Guardando al passato e al presente, possiamo percepire quanta gelosia, quanto tempo per pregare che manca, quante malattie dei figli esistono all’interno del matrimonio. Dimentichiamo perfino la santità. Pensiamo che essere un semplice cattolico, che non pecca gravemente, vada già bene. Promuoviamo l’unione con Dio per chi è celibe, il cui cuore deve essere dedicato a Lui al 100%. lo stesso San Paolo, sapendo tutto questo, raccomanda il celibato (1 Cor 7, 1). Il matrimonio di diritto naturale è diventato la trappola più grande per chi vuole avere una vita spirituale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni