Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Una chiesa italiana ospita i resti di un santo che uccise un drago… e anche del drago stesso!

Wikimedia Commons

Daniel R. Esparza - pubblicato il 24/01/19

Sappiamo poco della vita di San Donato, ma le leggende abbondano

La città toscana di Arezzo ha dato i natali al teorico musicale medievale Guido D’Arezzo (ritenuto l’inventore della moderna notazione musicale) e anche a un santo che ha ucciso un drago, anche se non è famoso come San Giorgio: San Donato d’Arezzo.

La storia di San Donato è raccontata da molte fonti, ma la maggior parte di queste è di dubbia affidabilità. Già nel VI secolo Papa Gregorio Magno conosceva un racconto agiografico delle gesta di San Donato. Un’altra fonte, probabilmente la più famosa, è quella di Severino, vescovo di Arezzo, per il quale Donato morì martire. Altre fonti dichiarano che fu anche vescovo della sua città natale e confessore della fede.

Severino sostiene che Donato e l’imperatore romano Giuliano l’Apostata erano amici d’infanzia e avevano studiato insieme sotto la direzione di un sacerdote cristiano di nome Pimenio (San Pier Damiani si riferisce a questa amicizia in uno dei suoi Sermoni). Secondo la stessa fonte, Giuliano fu il responsabile dell’esecuzione dei genitori di Donato, di Pimenio e dello stesso Donato.

Prima di morire martire, però (almeno secondo l’agiografia di Severino), Donato compì molti miracoli. Non solo riportava in vita le persone e ridiede la vista a una giovane donna, ma uccise anche un drago che aveva avvelenato un pozzo.

I resti sia di San Donato che del “drago” che uccise (molto probabilmente le costole di un grande mammifero) vennero portati nella chiesa di Santa Maria e San Donato sull’isola di Murano nel XII secolo dalla Grecia bizantina.

Santa Maria e San Donato; dragon
Lacey Jo|Flickr|CC BY-NC-ND 2.0

Chiesa di Santa Maria e San Donato. Le "ossa del drago" si troovano dietro l'altare.
Tags:
santi e beati

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni