Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconFor Her
line break icon

Papà prende 6 aerei pur di passare il Natale con la figlia hostess

VAUGHAN

Mike Levy | Facebook

Paola Belletti - pubblicato il 28/12/18

A causa dei turni Pierce, assistente di volo in forza alla Delta Airlines, non avrebbe potuto passare il giorno di Natale con il padre. Ma i padri, si sa, non si arrendono tanto facilmente.

Il padre di famiglia? Il solo grande avventuriero

La storia ha fatto, come si suo dire, il giro del web. Ma prima è stato Hal Vaughan fare il giro dei cieli americani.

La versione pop del padre di famiglia di Peguy, unico solo avventuriero: l’avventura di Hal si è consumata tra check in e controlli, corse al gate e carte d’imbarco; tra bagaglio a mano, sempre quello, e decolli. La dieta del nostro eroe, ne siamo sicuri, sarà consistita in snack “dolce o salato?“. In caffè o tè, acqua con o senza gas.

Tutto si rivolta e congiura contro di lui. Gli uomini, i fatti; l’accadere, la società; tutto il congegno automatico delle leggi economiche. E infine il resto. Tutto è contro il capo famiglia, contro il padre di famiglia. (…) Solo lui è letteralmente coinvolto nel mondo, nel secolo. Solo lui è letteralmente un avventuriero, corre un’avventura (…). Lui invece ci è coinvolto con tutte le sue membra. Gli altri, al maximum, si giocano solo la loro testa, il che non è niente. Lui invece mette in gioco tutte le membra. Gli altri soffrono solo per se stessi. (…) Lui solo ha degli ostaggi, la moglie, il bambino, e la malattia e la morte possono colpirlo in tutte le sue membra. Gli altri navigano a secco di vele. Lui solo, qualunque sia la forza del vento, è obbligato a navigare a piene vele. (…) Si muove continuamente con i suoi ostaggi, in lungo e in largo tra quei terribili fortunali. (Charles Peguy)

Prende sei aerei per stare in volo con sua figlia Pierce, assistente di volo

Vigilia di Natale, 24 dicembre 2018. Hal non ha il viso tragico di un perseguitato, forse solo i tratti un po’ stanchi di chi sfida altitudine e pressione atmosferica; di chi atterra e decolla di continuo. Ma appare decisamente contento perché non era un record che stava inseguendo bensì sua figlia, Pierce. E Natale, si sa, o lo passi con i tuoi o non è Natale.

Lei è assistente di volo per la Delta Airlines e quest’anno per via dei turni che le sono toccati non avrebbe messo piede a terra, fuori di un aeroporto per lo meno.

Va bene, cara la mia bambina (-Papà, non sono più una bambina da un pezzo! Lascia stare, bambina mia…), ci penso io.

La storia diventa virale: il selfie di Mike Levy ha quasi 200mila reaction e 38mila condivisioni

E mentre era seduto accanto all’oblò di un posto più comodo degli altri, ha raccontato al suo vicino l’avventura. “Ho avuto il piacere di sedermi accanto ad Hal nel mio volo di ritorno a casa. Sua figlia Pierce era la nostra assistente di volo, lui ha deciso che avrebbe passato le vacanze insieme a lei e ora lo sta facendo”, ha scritto su Facebook Mike Levy prontamente. (Repubblica)

Così risponde, sul suo profilo, la bella figlia che tanto assomiglia al papà (almeno così a me pare!)

“Guarda, ce l’abbiamo fatta Kimberly Hal Vaughan. Il primo viaggio di papà con i suoi benefit è stato un successo! Un ringraziamento speciale a tutto il meraviglioso e paziente personale di terra che ha consentito a mio papà di riuscire nella sua impresa. E grazie al mio equipaggio perfetto”. Papa Hal è salito in tempo su ogni volo e “ha perfino ottenuto un posto in prima classe (miracolo di Natale)”.

E così questa diventa, a buon diritto, una “very nice story to share”, dice qualcuno nei commenti.

L’anno prossimo auguriamo a Pierce di passare un normalissimo Natale a casa con papà e mamma, con il rischio, certo di fare meno notizia mala possibilità di godersi la meraviglia della sola grande Notizia.

Dio stesso si è imbarcato nel nostro viaggio e ci segue su ogni tratta. I turni, per Lui, non sono un problema. E’ Lui The Best Dad Ever!

Tags:
famiglianatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni