Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Caro Gesù Bambino, ecco il regalo che Ti chiedo…

JESUS IN THE MANGER
Condividi

La fedeltà nella preghiera perché è la sola che possa cambiarci il cuore e liberarlo dal sospetto che Dio ci voglia fregare. No! Dio ci ama e vuole che siamo salvi in eterno. Chiediamo lo Spirito Santo e il resto ci arriverà in omaggio.

Ho letto un’infinità di meditazioni pre e during e fra poco post natalizie, in questi giorni. Ascoltato omelie, alcune bellissime, altre meno, lectio, riflessioni. Il cuore di tutte, più o meno, era “Dio è un padre buono e ci ama”. Ce lo ha ripetuto anche adesso il Papa: Dio è nostro padre, dunque noi siamo fratelli. Abbiamo bisogno di sentircelo dire, e ripetere, e ricordare.

Ma perché così tanto?

Perché, fondamentalmente, non ci crediamo: da quando il serpente ci ha sussurrato all’orecchio il sospetto che quello che ci ha creati e ci ha dato tutto, in fondo ce lo volesse togliere, ci volesse fregare, da quel momento il sospetto è diventato la cifra di fondo delle nostre relazioni, compresa quella con Dio.

Credere all’amore di Dio, riempirci il cuore, la testa, lo sguardo, ogni nostro respiro di riconoscenza, perché siamo stati scelti, chiamati dal nulla, chiamati a vivere, proprio noi e non un altro, credere che siamo stati scelti per essere amati, perché noi piacciamo a Dio più di quanto a noi piacciono quelli che abbiamo scelto, e lui vuole stare con noi, credere che per salvarci lui si è fatto carne, ci ha parlato con la sua vita dell’amore del padre e poi ha sofferto la passione e la croce e la morte, per amore nostro; credere che non ci meritiamo nulla eppure abbiamo più di tutto, ecco, questo per me è impossibile.

E’ esattamente il motivo per cui ci è stata data l’arma infallibile, l’arma della preghiera. A questo serve, non a trovare parcheggio a o a passare l’esame. Quelli sono regali in più che ci concede, ma la cosa più importante che fa la preghiera è cambiare la nostra testa, il respiro, i sentimenti e i pensieri. La preghiera ci cambia. Se noi chiediamo lo Spirito santo, Dio, lo dice il vangelo, non può non concedercelo.

Ti chiedo dunque la fedeltà alla preghiera, Gesù bambino, te la chiedo più di tutte quelle cose che sai tu e che non ti posso elencare perché ho degli amici troppo generosi e poi mi arrivano a casa fra due giorni. La fedeltà alla preghiera la cerco da sempre, e so che è quello che mi sfonderà davvero definitivamente il cuore. Mi darà un cuore di carne, capace di credere all’incredibile: che io ti piaccio, che ti vado bene così, che mi ami alla follia, che quando fai qualcosa che non mi va bene, è per un bene più grande, che la croce mi salva, che c’è un pericolo enorme che sto correndo, la perdizione, ma che posso aggrapparmi a te e salvarmi.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni