Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Calendari, Erode, Magi… indovinare la data della nascita di Gesù è un rompicapo

PODRÓŻ TRZECH MAGÓW
Condividi

Il 4 a.C. sarebbe stato un anno assai impegnato, ma in realtà non è del tutto vero

Indovinare i tempi biblici in cui si sono svolti gli eventi relativi a Betlemme e alla nascita di Gesù, il re Erode il Grande e l’omaggio dei Magi al Bambino Gesù come si legge nel Vangelo di San Matteo (2, 1-23) non è affatto facile.

Innanzitutto una nota su quello che non si trova nella narrazione di Matteo:

– Maria e Giuseppe che si recano a Betlemme per il censimento o qualsiasi altra ragione
– il Bambino Gesù adagiato in una mangiatoia
– i pastori curavano il loro gregge di notte
– gli angeli che hanno cantato per quei pastori.

Tutto questo compare nel Vangelo di Luca. L’unico elemento che Matteo e Luca hanno in comune è l’ambientazione della nascita di Gesù, Betlemme. Nel caso di Matteo, Betlemme è quasi un riferimento di sfuggita.

Matteo, però, parla della stella che guida i Magi e del loro annuncio a Erode il Grande per cui era nato un re per gli ebrei. Riporta anche la fuga della Sacra Famiglia in Egitto quando Erode stava cercando Gesù per ucciderlo.

È difficile costruire una timeline, e quando ci si prova dipende dai calendari con vari errori collegati al presunto anno della nascita di Cristo, e in seguito all’anno della morte di Erode il Grande.

Erode è morto nel 4 a.C..

Sì, “avanti Cristo”. Ciò è dovuto alla “deriva del calendario”, una definizione di mia invenzione attribuita agli errori di calcolo nel calendario giuliano e in quello gregoriano (dal nome di Papa Gregorio XIII), progettato per correggere il primo. Anche la nascita di Cristo è collegata al 4 a.C. (anch’essa “avanti Cristo” per gli stessi errori di calendario).

E per fortuna non uso il calendario olocenico, in base al quale il primo giorno dell’anno nuovo che sta per iniziare sarebbe il 1° gennaio 12019.

Ad ogni modo, il 4 a.C. (se è quello l’anno in cui Erode è morto e Gesù è nato) sarebbe stato ben affollato, riunendo Gesù, i Magi, Erode e i bambini di Betlemme. Ma non funziona – non così.

Se l’anno della morte di Erode viene stabilito in questo modo, allora è la nascita di Cristo che va alterata. Prendendo spunto da San Matteo, tenendo conto dell’ordine di Erode di uccidere tutti i bambini maschi di Betlemme dai due anni in giù, dev’esserci stato un intervallo tra l’annuncio dei Magi ad Erode e l’esecuzione dell’ordine di quest’ultimo.

Questa considerazione porterebbe indietro nel tempo la nascita di Gesù, tra il 6 e il 4 a.C.. In quell’arco di tempo di due anni, i Magi avrebbero potuto andare e venire, lasciando i loro doni per Gesù, e avrebbero preso un’altra strada per tornare a casa senza imbattersi in Erode per la seconda volta (Matteo 2, 12).

Gesù avrebbe potuto avere sui due anni quando la squadra di killer di Erode arrivò a Betlemme. Ovviamente all’epoca Gesù non era lì (Matteo 2, 13 segg.). Erode sarebbe morto poco dopo, nel 4 a.C.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni